Buttercup: l’anatroccolo che cammina grazie a una protesi stampata in 3D (video)

buttercup

Il mio nome è Buttercup e quando sono nata la mia zampa sinistra era girata all’indietro. Seguimi per scoprire come ho fatto ad avere una zampa nuova utilizzando le ultime tecnologie di modellazione 3D”. Si apre così la pagina facebook dedicata a una piccolo anatroccolo che ha beneficiato, al pari degli essere umani, di una innovativa protesi stampata in 3D.

Senza questo aiuto, infatti, Buttercup sarebbe stata costretta a zoppicare per tutta la vita, causandole forti disagi e immobilità. Oggi, invece, è in grado di camminare come qualsiasi altra anatra, grazie all’amore di alcuni ricercatori che l’hanno salvata, proprio come era accaduto alle due oche salvate da una protesi in ottone al posto del loro becco.

Sottoposta inizialmente a terapia riabilitativa, la zampina era stata corretta solo in parte. Dopo sessioni intensive, l’arto era arrivato solo a metà strada, rendendo a Buttercup ancora difficile camminare. Ma poi è arrivata la cura stampata in 3D e il suo “papà”, Mike Garey, insieme al dottor Shannon McGee, ha progettato una zampa adatta, stampata dalla società Novacopy.

buttercup2

buttercup3

È così che Buttercup ha potuto camminare normalmente per la prima volta. Certo, è stato necessario un intervento chirurgico per rimuovere la zampina malata e lasciarle una sorta di gamba di legno su cui inserire la protesi, ma ne è valsa la pena. L’anatra ha già fatto progressi incredibili, come dimostra il video che immortala i suoi primi passi con la protesi:

Per seguire tutti i progressi di Buttercup, basta controllare la pagina Facebook del progetto

Roberta Ragni

LEGGI anche:

Le oche dal becco di rame: Ottorino ed Esmeralda, salvate da una protesi

WhatsApp

Usi WhatsApp? Iscriviti alle nostre news gratuite

Triumph

Together we recycle: Triumph ricicla i capi usati in nome dell’ambiente

Salugea

Come depurare il fegato con gli estratti vegetali

Germinal Bio

Dire addio alla plastica si può: l’esempio da seguire di Germinal Bio

tuvali
seguici su Facebook