Brasile: automobilisti fermano il traffico per far attraversare un’anaconda gigante di 3 metri

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Attraversare un’autostrada, niente di più pericoloso e vietato. Ma se a farlo è un’anaconda gigante…la si aiuta bloccando il traffico e le automobili. Succede in Brasile sulla superstrada BR-364 Porto Velho-Rondônia dove lunedì scorso i veicoli che transitavano sono stati fermati per permettere all’enorme serpente di attraversare con estrema calma le due carreggiate.

L’anaconda gigante lunga circa tre metri è riuscita a raggiungere l’altro lato e sparire nei boschi circostanti grazie agli automobilisti che si sono fermati e hanno contribuito a bloccare il traffico per permettere al serpente di attraversare tutte le corsie, rimanendo illeso.

In molti viaggiatori sono usciti dai veicoli per osservare e registrare la straordinaria scena del grande rettile che strisciava sul muro divisorio nel bel mezzo dell’autostrada fino a raggiungere la vegetazione dall’altra parte.

Gli esperti ritengono che il rettile fosse alla ricerca di un rifugio o di cibo. Anche perché in Brasile sono molte le aree naturali devastate dall’agricoltura intensiva e dall’urbanizzazione costringendo diverse specie come i serpenti alla ricerca di un nuovo habitat. Il biologo Flavio Terassini ha detto a G1 Globo che il serpente era probabilmente alla ricerca di qualcosa da mangiare:

“Questi serpenti possono apparire nell’area urbana alla ricerca di cibo, che sono piccoli roditori, e in città possono nutrirsi di cani e persino di gatti, quindi è bene stare attenti a non lasciare la spazzatura nel cortile perché questi animali possono odora i roditori o questi animali e vieni vicino alle case, specialmente nella stagione delle piogge “.

La notiza è finita su social e tv locali anche per la celerità con cui gli automobilisti sono riusciti in poco tempo ad organizzarsi per permettere all’animale di sopravvivere.

“Non è da tutti proteggere gli animali in questo modo. Alcune persone preferiscono vederli morti “, ha detto Italo Nascimento Fernandes, uno dei cittadini che ha contribuito e che ha postato il video sui social. “Vedere tutta la gente aiutare in questo modo è stata una sensazione meravigliosa”.

Forse qualcosa di buono ancora nel genere umano è rimasto.

Ti potrebbe interessare anche:

Simona Falasca

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Direttore responsabile ed editoriale di greenMe. Ha una laurea in Scienze della comunicazione e un'esperienza pluriennale negli uffici stampa. In greenMe ha trovato il modo di dare sfogo alla sua "natura" più vera.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook