Bracconaggio: uccisi mamma capriolo e il suo cucciolo di 4 mesi

capriolo-ucciso

Stavano per brindare al loro trofeo di caccia, un cucciolo di capriolo assieme alla sua mamma, ma i sette bracconieri sono stati identificati e denunciati a piede libero in concorso per l’abbattimento illecito di ungulati.

Bracconieri senza scrupoli che non si sono fermati neanche davanti a un cucciolo. E’ successo sul Monte Stino dove il Nucleo ittico venatorio della polizia provinciale di Brescia ha sorpreso 7 uomini in un fienile di Capovalle che festeggiavano dopo aver ucciso un cucciolo di capriolo di appena 4 mesi e la madre di tre anni.

Gli agenti erano sulle loro tracce da tempo: del gruppo facevano parte quattro bracconieri di Idro, uno di Nave, un altro di Trento e l’ultimo di Capovalle. Sono stati trovati armati di fucile con cartucce a pallini a munizione spezzata, in gergo i pallettoni, che sono munizioni vietate anche durante i periodi di caccia consentita perché causano sofferenze atroci agli animali.

capriolo ucciso1

I bracconieri sono stati presi dopo ore di ricerche, i loro fucili sono stati sequestrati, così come le carcasse dei due animali uccisi, anche se il piccolo era stato già macellato. Oltre la denuncia, i sette alcuni recidivi allo stesso reato, sono stati sanzionati. Ma nessun risarcimento potrà riportare in vita questi bellissimi animali.

Leggi anche:

Dominella Trunfio

Foto

Germinal Bio

#Bionest la nuova campagna Germinal Bio che mostra il dietro le quinte del biologico

San Benedetto

Cosa vuol dire compensare la CO₂: la linea Ecogreen di San Benedetto

Triumph

Come riciclare i reggiseni e gli abiti usati

Decathlon

La bici usata? Portala da Decathlon: torna Trocathlon dove puoi acquistare e vendere l’attrezzatura sportiva

tuvali
seguici su Facebook