Boom di meduse: colpa della pesca intensiva

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Nonostante l’estate non abbia ancora fatto registrare temperature record, le meduse hanno già fatto capolino nei nostri mari. Dalla Liguria alla Puglia, senza dimenticare le isole, maggiori come la Sardgena e la Sicilia, e minori come l’isola d’Elba. Ovunque c’è stata una vera e propria invasione. Ma la colpa sarebbe della pesca intenstiva.

Avendo già accertato che i cambiamenti climatici e l’inquinamento sono due delle principali cause dell’aumento delle meduse nei nostri mari, ci mancava anche la pesca intensiva. Come ha spiegato Ferdinando Boero, docente di biologia marina dell’Università del Salento, incaricato del monitoraggio scientifico delle specie, il boom di meduse di quest’anno è legato alla scarsità di pesce presente in mare.

Abbiamo depauperato le specie ittiche che si nutrono di plancton; ci sono meno larve e le meduse hanno pertanto meno concorrenti per la loro dieta. E così crescono e si moltiplicano” è la spiegazione dell’esperto. Non tutti i mali vengono per nuocere. “La novità, come avvenuto per i funghi, è che i bagnanti hanno preso confidenza con queste specie marine, sanno ad esempio che quelle più urticanti hanno lunghi tentacoli, e arrivano ad apprezzare la bellezza degli esemplari innocui”, ha detto Boero.

Per questo, Focus ha messo a disposizione un portale, meteomeduse.focus.it, disponibile anche via app per smartphone e tablet dove segnalare le meduse, urticanti e non, avvistate. Una sorta di esperimento di scienza dedicato ai cittadini utile secondo Boero a coinvolgerli e ad informali sulle meduse, stimolando “l’alfabetizzazione sui temi ambientali, azione su cui anche l’Unione Europea si sta orientando dopo aver constatato che non c’è cultura della natura in Europa”.

Sul sito è inoltre disponibile una pagina dedicata alle varie specie di meduse, in modo da aiutare i bagnanti a distinguerle segnalandone la presenza.

Le meduse si spostano verticalmente, quindi possono stare in superficie e possono scendere sul fondo. Sono animali che si muovono, e spesso vanno dove le portano le correnti. Non ci sono regole predefinite: le trovi ovunque. Perché le meduse sono parte del plabncton e si spostano con la corrente. Possono nuotare ma non riescono a contrastare il moto delle correntiha aggiunto Boero.

Notarle non è sempre facile, ma è certo che non sono loro ad attaccare, ma è l’uomo ad urtarle anche inavvertitamente. Ad ogni modo, in caso di puntura ecco alcuni consigli per alleviare il fastidio e i rimedi naturali in caso di puntura.

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

Meduse: aumentano per colpa dell’inquinamento

“Turritopsis nutricula”, la medusa che nasconde il segreto dell’immortalita’

Meduse: il vademecum per difenderci dalle punture

Rimedi naturali per l’estate che funzionano davvero

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook