I barbagianni sono tornati nel Regno Unito (e per una volta è grazie agli essere umani)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I barbagianni sono uno degli uccelli più amati e riconoscibili della campagna. Si trovano in tutto il mondo, ma stanno subendo un calo della popolazione. Nel Regno Unito, ad esempio, il barbagianni è costantemente diminuito nel corso dell’ultimo secolo a causa della perdita di habitat e dell’avvelenamento da erbicidi ma questa tendenza è stata invertita grazie all’aiuto dell’uomo. Per una volta infatti, stiamo aiutando gli animali a fare ritorno nei loro luoghi, da cui erano spariti per causa nostra.

Da qualche anno, alcuni volontari piazzano delle scatole tra i rami degli alberi, per offrire riparo ai barbagianni. E funziona. Nel 1987 i barbagianni erano al livello più basso con circa 4.500 coppie nidificanti, in calo del 70% rispetto ai numeri dal 1932 . Ora ce ne sono circa 12.000 nel Regno Unito.

Storicamente, questi uccelli distintivi con i loro volti a forma di cuore, il grido demoniaco e il volo silenzioso, erano amici dei contadini perché divoravano i roditori che danneggiavano i raccolti. In epoche remote venivano costruite anche delle speciali “finestre di gufo” nei fienili per incoraggiare gli uccelli ad annidarsi tra travi e spazi del sottotetto. Ma dalla metà del 1800, l’agricoltura si intensificò e la loro presenza non fu più gradita.

Ma nel 1988 la sorte di questi uccelli torna a girare, grazie al lavoro di Colin Sawyer, che ha creato una rete di conservazione dei barbagianni con l’obiettivo di raddoppiare la popolazione entro il 2020. Per il primo decennio il suo team si è concentrato sulla ricostruzione degli habitat, ma verso la metà degli anni ’90 si rese conto che erano i luoghi di nidificazione dei barbagianni che dovevano essere demoliti o ristrutturati.

scatole barbagianni

©Kent Wildlife Trust.

Così, scatola dopo scatola, tanti volontari si sono adoperati per far tornare questi preziosi uccelli nelle campagne.

“Mio fratello ha costruito le prime scatole 17 anni fa come punizione per essere stato sospeso da scuola. Papà ne ha costruite altre durante un breve tentativo di pensionamento e ora abbiamo otto di queste scatole voluminose incastonate tra i rami di querce intorno alla nostra fattoria del Kent” spiega Lynne Flower che ha raccontato la sua storia a The Guardian.

Le  abitudini notturne e il  carattere schivo rendono sempre più difficile il rilevamento dei barbagianni e quindi è difficile calcolare la dimensione della popolazione. Tuttavia, la presenza delle scatole può essere di grande aiuto per monitorarne la presenza, fornendo anche una bella area di nidificazione sicura alle coppie per crescere i loro piccoli.

barbagianni

©shutterstock/Vlada Cech

“Abbiamo avviato un piano per creare nidi per i barbagianni e sistemarli dove l’habitat era adatto e dove si potevano vedere. Da allora abbiamo messo su 28 scatole, molti nidificamenti sono riusciti e ci sono stati molti avvistamenti. Abbiamo imparato così tanto” raccontano sul blog ufficiale del Kent Wildlife Trust.

Ormai ogni contea del Regno Unito ha qualcuno che si occupa di piazzare le scatole per i barbagianni. Quest’anno, forse anche a causa del lockdown legato al coronavirus, c’è stato un vero e proprio boom. La riduzione del rumore provocato dal traffico può aver consentito loro di cacciare in modo più efficiente e probabilmente ci saranno stati meno uccelli uccesi per strada.

“Molti barbagianni vengono uccisi sulla strada perché non guardano, ascoltano e guardano a terra”, afferma Lynne.

Attraverso un esercito di volontari dedicati, gli ambiziosi obiettivi di Sawyer sono stati raggiunti in pieno: i numeri dei barbagianni sono quasi triplicati. Fino all’80% dei barbagianni ora nidifica nelle scatole artificiali.

“Se tutte quelle scatole cadessero, probabilmente vedremmo l’estinzione. Non conosco altre specie che dipendono così tanto da un componente del loro habitat – un nido – per la loro sopravvivenza, e tutto ciò è fatto dalle persone “, afferma Sawyer.

Per una volta, col suo aiuto, l’uomo è riuscito a garantire la sopravvivenza di una specie.

Fonti di riferimento: The Guardian, Kent Wildlife Trust

LEGGI anche:

I Barbagianni a rischio estinzione. La petizione per salvarli

Gufi e civette abbandonate in GB. È colpa di Harry Potter

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Deceuninck

L’importanza della luce naturale in casa e come ottenere giochi di luce con qualche accortezza

Mediterranea

Siero viso anti-age con buon Inci: la prova prodotto di Olive Mediterranea

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook