150 cetacei spiaggiati in Australia: strage di massa (VIDEO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ancora morti, ancora cetacei spiaggiati. Questa volta è accaduto nella baia di Hamelin nell’Australia occidentale, dove 150 globicefali sono stati trovati arenati. Solo 15 di loro erano ancora in vita.

Una vera e propria moria di massa avvenuta a circa 300 km a sud della città di Perth. A trovarle è stato ieri un pescatore che ha segnalato l’accaduto alle autorità. Poi è partita una corsa contro il tempo per salvare i pochi cetacei ancora in vita e per cercare di riportarli in mare.

Anche se come comportamento, sono più simili alle balene, questi animali appartengono alla famiglia dei delfinidi e solitamente si muovono in massa. Si tratta di un genere di cetacei odontoceti a cui appartengono due specie, il globicefalo (Globicephala melas) e il globicefalo di Gray (Globicephala macrorhynchus).

L’Australian Broadcasting Corporation ha riferito che dozzine di soccorritori si sono riversati in spiaggia per tentare di salvare le povere creature. Le autorità hanno anche emesso un avviso di squalo, avvertendo le persone di stare lontane dalla zona.

“È possibile che i morti e gli animali morenti agiscano come attrattiva, il che potrebbe far sì che gli squali che si avvicinino lungo questo tratto di costa”, ha detto il Dipartimento della pesca.

I globicefali di solito misurano fino a 5 metri e si trovano nelle acque tropicali e subtropicali. Gli scienziati non sanno esattamente che cosa possa aver provocato lo spiaggiamento.

Si possono verificare quando sono malati o feriti e commettono errori di navigazione. In questi casi, muovendosi in branco, trascinano con loro tutte le altre.

Gli animali spiaggiati possono inviare segnali di pericolo che attirano altri loro simili. Non è la prima volta che accade. Nel 1996, circa 320 esemplari si arenarono nella più grande spiaggia di sabbia dell’Australia occidentale.

“Le condizioni sono impegnative, ma stiamo facendo tutto il possibile per dare a questi animali le migliori possibilità di sopravvivenza”, ha detto Jeremy Chick, esperto di fauna selvatica che si sta occupando dell’emergenza.

Le barche sono state usate per portarli in acque più profonde e il team sta monitorando lo stato di salute degli animali sopravvissuti.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

Foto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook