Il delfinario delle isole Bahamas dovrà chiudere e liberare gli 8 delfini

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un enorme passo in avanti nella lotta ai delfinari, in favore della libertà dei cetacei. È appena accaduta nelle isole Bahamas, dove, grazie agli attivisti ambientalisti e animalisti e a una petizione che ha guadagnato oltre 65.000 firme, il giudice Stephen Isaacs ha ordinato al delfinario in possesso di otto delfini in cattività di chiudere e rilasciare i suoi animali.

Notizia ancor migliore, sono stati sollevati interrogativi sulla legalità dell’importazione di delfini alle Bahamas per scopi diversi dalla ricerca – un dibattito davvero innovativo per un Paese che si basa sul turismo per alimentare la sua economia.

Vogliamo mettere fine allo sfruttamento di questa specie. La nostra obiezione si basa sulla premessa che le strutture di cattività per i mammiferi marini sono obsolete, disumane e anti ambientaliste. La costruzione di due nuovi impianti per mammiferi marini è stata approvata in via preliminare in Bahamas. Nessuno di questi progetti è stato reso pubblico. Questo è sbagliato per le Bahamas, e sbagliato per la salute internazionale delle popolazioni di delfini in tutto il mondo“, si leggeva nel testo della petizione lanciata dall’associazione reEarth.

La struttura sarebbe stata aperta a Blackbeard’s Cay, a Nassau, e sarebbe diventata la quarta attrazione turistica con delfini in cattività dell’arcipelago. Ha ricevuto i suoi otto delfini dall’Honduras all’inizio di quest’anno, ma, come ha stabilito anche il Tribunale, gli animali sono stati introdotti nel paese illegalmente.

Sono entusiasta”, ha festeggiato Sam Duncombe, presidente della reEarth. “Abbiamo combattuto questo problema per 24 anni e finalmente siamo stati in grado di portare uno dei responsabili della cattività dei delfini in tribunale per l‘elusione della legge sulla protezione dei mammiferi marini.”

Oltre a stabilire la liberazione dei delfini dalla prigionia, il giudice ha anche ordinato che l’area venga ripristinata al suo stato originale. La società ha il diritto di impugnare la decisione entro le prossime settimane, ma, almeno per ora, gli animali in cattività possono festeggiare una vittoria storica. Sempre che non si riesca a trovare il cavillo giuridico che consenta di perpetuare tale crudeltà come successo per il delfinario di Rimini.

Roberta Ragni

Leggi anche:

Chiudiamo i delfinari: morto in Belgio Origi, cucciolo di delfino (VIDEO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook