Bacia una mucca: la nuova pericolosa sfida che impazza tra gli adolescenti (#KuKussChallenge)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

#KuKussChallenge, ossia bacia una mucca, è l’originale sfida lanciata dall’app Castl agli utenti di lingua tedesca. La finalità di questa curiosa iniziativa è quella di raccogliere fondi di beneficienza in maniera divertente ma, come avvertono le autorità austriache, il gioco è stupido e pericoloso.

Come si capisce bene dal nome, l’obiettivo è baciare una mucca documentando la propria impresa con foto o video da pubblicare in rete con l’hashtag #KuKussChallenge. La nuova sfida sta ottenendo un successo enorme e letteralmente impazzando tra i vari social network.

 

La sfida, apparentemente simpatica e innocua, si è tirata però addosso anche diverse critiche. E’ in particolare in Austria che sta facendo discutere e le autorità locali hanno avvertito della pericolosità del gioco e dei rischi che comporta.

Prima di tutto i bovini, anche se solitamente docili, sono comunque animali e chi si avvicina a loro per baciarli può trovarsi vittima di incidenti, anche mortali. Più a rischio di tutti sono ovviamente i bambini.

 

Secondo gli austriaci, poi, questa iniziativa può addirittura mettere a rischio l’economia del paese che sta cercando in tutti modi di rilanciare il turismo, trovando il modo di far convivere al meglio il turismo delle aree alpine e gli allevamenti di bovini, due attività che portano guadagni nelle zone di montagna ma che non sempre sono compatibili.

Pochi sapranno (o ricorderanno) che 5 anni fa, una turista tedesca che stava traversando un prato insieme al suo cane, è stata uccisa da una mucca. Anche in seguito a ciò, il governo austriaco ha emanato un “codice di buona condotta” che impedisce a cittadini e turisti di avvicinarsi ai bovini dei pascoli alpini. È chiaro dunque che questa sfida, almeno in Austria, non è neppure legalmente consentita.

Il ministro dell’Agricoltura, Elisabeth Köstinger, ha definito la sfida “davvero stupida e pericolosa”. Della stessa opinione è anche il presidente della Camera dell’Agricoltura del Tirolo:

“Sono molto preoccupato che vogliano usare i nostri animali per fare parlare, i rischi sono alti. Invito il sito a rivedere il suo progetto”.

Voi che ne pensate: il gioco vale la candela?

Senza considerare le povere mucche che sicuramente non apprezzano di essere baciate da sconosciuti e per di più appartenenti al genere umano! 

Leggi anche:

Francesca Biagioli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Foodspring

Colazione proteica vegan per chi la mattina ha il tempo contato

eBay

Pulizie di primavera: fai ordine in casa e nell’armadio vendendo online quello che non usi

NaturaleBio

ebay

Seguici su Instagram
seguici su Facebook