L’ape influencer che cerca di salvare i suoi simili ‘scattandosi selfie’ su Instagram

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Si chiama B. ed è già una star del web. La sua particolarità? È un’ape che da quando è diventata ‘influencer’ sta cercando di sfruttare la popolarità della rete e dei social per salvare i suoi simili a colpi di selfie. Aiutiamola!

Cambiamenti climatici, agricoltura industriale, pesticidi, sono tanti i fattori che incidono negativamente sulla natura e sugli animali, a tal punto da aver portato alcune specie al declino. Basti pensare alle povere api, il cui numero diminuisce di anno in anno, una minaccia terribile per la vegetazione e per l’intera umanità.

Secondo l’USDA, dipartimento dell’agricoltura degli Stati Uniti, ” le api da miele sono in grave declino da oltre tre decenni negli Stati Uniti” e nel resto del mondo le cose non vanno meglio con una media annuale di api morte del 24% nella sola Europa.

Per salvarle, è nata lei, la prima influencer ape, B., che raccoglie fondi scattando selfie e condividendo sui social la sua vita, tra viaggi e quotidianità. B. piace a tal punto da aver raggiunto più di 164k follower su Instagram in pochi mesi.

Si presenta così:

“Voglio compiacere i marchi di tutto il mondo per raccogliere fondi per salvare le api, molte delle quali scompaiono ogni anno. Ho bisogno di te: più follower ho su Instagram, più marchi saranno interessati e più soldi raccoglierò”.

Si tratta di un’ape da miele CGI, dietro la quale agisce la Foundation de France (FDF), rete filantropica leader istituita dal governo francese per salvare le api. I ricavati raccolti tramite la pubblicità sono donati all’associazione Bee Fund per finanziare azioni a loro vantaggio. E più seguaci hanno, più diventa facile per loro raggiungere i 3 obiettivi principali:

  • promuovere un’agricoltura più favorevole agli impollinatori;
  • ricostruire gli habitat delle api scomparsi a causa delle monocolture e dell’urbanizzazione;
  • diffondere consapevolezza sull’impatto dei pesticidi sulla biodiversità e sulle api.

Grazie alla sua simpatia, e alla nobile causa, B. ha conquistato il web, aiutiamola anche noi a crescere per salvare i suoi simili.

Perché le api stanno scomparendo

Sono diversi i fattori che stanno causando, ormai da anni, la drastica diminuzione delle api, nonostante siano fondamentali per la nostra sopravvivenza e per quella della natura. A quanto pare, oltre all’uso indiscriminato dei pesticidi, in particolare quelli neonicotinoidi che ne compromettono alcuni meccanismi biologici, ci sarebbero di mezzo anche i cambiamenti climatici.

Le api, a causa delle temperature in aumento, si spostano verso Nord alla ricerca di nuovi habitat, ma questa migrazione non si rivela sempre facile. A rivelarlo è stata una ricerca condotta da Jeremy Kerr, biologo dell’Università di Ottawa.

Altre cause? La perdita degli habitat naturali e la diffusione di parassiti nocivi da cui le api non riescono a difendersi.

Ti potrebbe interessare anche:

Laura De Rosa

Photo Credit: Instagram

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
Foodspring

Colazione proteica vegan per chi la mattina ha il tempo contato

eBay

Pulizie di primavera: fai ordine in casa e nell’armadio vendendo online quello che non usi

Speciale Fukushima 10 anni

11 marzo 2011. 10 anni fa il terribile disastro di Fukushima, una lezione che non deve essere dimenticata

NaturaleBio

ebay

Seguici su Instagram
seguici su Facebook