Trovata astice con il logo della Pepsi sulle chele

aragosta pepsi

Perché c’è il logo della Pepsi sulle chele di un’astice? Semplice, per molti questa foto è la prova che i rifiuti che stiamo disseminando negli oceani di tutto il mondo finiscono nella catena alimentare delle creature marine.

A fare l’insolita scoperta una squadra di pescatori canadesi, nelle acque al largo dell’isola Grand Manan, nel New Brunswick.

A notare il logo blu e rosso impresso sulla chela è stata Karissa Lindstrand.

“Sembrava che una stampa impressa sulla chela dell’astice. È la prima volta che vedo qualcosa del genere”, spiega. Ma se cosi fosse, la carta si sarebbe deteriorata nell’oceano.

Così si è acceso il dibattito su come ciò sia potuto succedere: alcuni ritengono che l’astice potrebbe essere cresciuta attorno a una lattina finita sul fondo all’oceano. Altri ipotizzano che parte di una Pepsi sia in qualche inspiegabile modo bloccata nell’astice.

aragosta pespi2

Difficile da dire. Fatto sta che questa strana scoperta ci ricorda i numerosi e sempre più preoccupanti allarmi sulla quantità di rifiuti che si accumulano negli oceani. Milioni di tonnellate di plastica che finiscono per essere ingerite da uccelli marini, pesci e altri organismi marini.

Roberta Ragni

Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Seguici su Instagram
seguici su Facebook