Strage di api liguri sull’Isola dei Canguri: gli incendi hanno distrutto un quarto degli alveari dell’unica colonia al mondo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Circa un quarto degli alveari presenti sull’Isola dei canguri potrebbe essere stato distrutto dagli incendi divampati nelle aree boschive dell’isola negli ultimi giorni.

L’Isola dei canguri si trova al largo dell’Australia Meridionale, a sud-ovest di Adelaide e ospita l’unica popolazione di api liguri pure rimasta al mondo, una varietà di impollinatori originaria proprio dell’Italia.

Venerdì scorso l’Isola dei canguri è stata investita da incendi particolarmente intensi: generalmente le api si rifugiano nei loro alveari durante gli incendi, per difendersi dalle eccessive temperature.
La maggior parte degli alveari è però fatta di legno e la cera d’api è altamente infiammabile, dunque è probabile che le fiamme divampate negli ultimi giorni abbiano danneggiato o distrutto circa 1000 dei 4000 alveari presenti sull’Isola.

La distruzione degli alveari avrà sicuramente importanti ripercussioni, non solo per gli apicoltori, ma soprattutto per l’ambiente.

Le api infatti si nutrono del nettare prodotto da fiori autoctoni impollinando le specie vegetali presenti sull’isola. Quando le fiamme saranno finalmente spente, il lavoro delle api sarà fondamentale per fare in modo che la vegetazione possa riprendersi dagli incendi, rigenerarsi e tornare a prosperare.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook