È l’ape più grande del mondo e non è estinta. Avvistato esemplare di Wallace Giant’s Bee

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Si chiama ape gigante di Wallace o Megachile pluto ed è l’ape più grande del mondo. Finora si riteneva scomparsa ma è ancora in vita e si trova in Indonesia, nel cuore della foresta pluviale.

Buone notizie dall’Indonesia. Lì, nel cuore dell Molucche del Nord un team di entomologi e fotografi professionisti ha annunciato di aver avvistato l’ape gigante di Wallace, creatura meravigliosa che si credeva estinta. L’ultimo avvistamento infatti risaliva al 1981 ma da allora se ne erano perse le tracce.

Come parte di un progetto di riscoperta delle specie perdute in tutto il mondo, i quattro entomologi e fotografi hanno perlustrato le Molucche del Nord, in Indonesia. Dopo 5 giorni di ricerche, hanno localizzato una singola femmina all’interno di un nido di termiti in cima agli alberi. Queste api infatti costruiscono i loro nidi all’interno di tali strutture, difendendole con la linfa vegetale che raccolgono con le loro forti mascelle.

La Megachile pluto fu scoperta nel 1858 dal naturalista Alfred Russell Wallace, che sviluppò insieme a Darwin la teoria dell’evoluzione basata sulla selezione naturale. A quel tempo, Wallace notò e descrisse le grandi fauci dell’ape, simili a quelle di un cervo volante. Ma egli fu l’ultima persona a vederne una fino a quando un entomologo del’Università della Georgia ne notò diversi esemplari nel 1981. Da allora lo stato della specie è sconosciuto.

Con un’apertura alare di circa 6 cm, l’ape vive nelle foreste pluviali dell’Indonesia, le sue dimensioni sono circa quattro volte quelle di ape mellifera, con mascelle molto grandi e forti.

A raccontare alcuni dettagli della scoperta è uno degli autori, il fotografo di storia naturale Clay Bolt.

“Dopo aver appreso delle imprese di Wallace, raccolsi una copia usata dei suoi diari, The Malay Archipelago, che dettagliavano i viaggi del naturalista attraverso luoghi che erano stati inesplorati dagli occidentali alla fine del 1800, tra cui Malesia, Nuova Guinea e Indonesia. Dei molti racconti incredibili di Wallace che catturarono la mia immaginazione, uno in particolare rimase al di sopra di tutti gli altri: la misteriosa scoperta nel 1858 della Megachile pluto, comunemente nota come ape gigante di Wallace”.

Mentre osservavano il nido, i fotografi e gli entomologi hanno visto qualcosa muoversi. All’inizio sono saltati giù per paura che si trattasse di un serpente ma subito dopo hanno capito che l’ospite all’interno era un’ape gigante di Wallace.

ape gigante2

Gli autori della scoperta si sono dati una missione: lavorare con ricercatori indonesiani e coi gruppi di conservazione per garantire la protezione di questa magnifica specie.

“Un giorno, vorrei tornare alle Molucche del Nord per documentare il ciclo di vita di questa creatura spettacolare in modo più dettagliato. Ma non importa, voglio solo sapere che le ali giganti di questa ape continueranno a frugare in questa antica foresta indonesiana. Mi aiuterà a credere che in un mondo dominati dall’estinzione, la speranza e la meraviglia esistono ancora” prosegue Clay. Bolt.

Una notizia che fa ben sperare visto che negli ultimi anni le api di tutto il mondo sono state messe a dura prova, letteralmente sterminate, da pesticidi e insetticidi.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

Foto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook