Gli scienziati svelano il mistero delle morti di massa delle antilopi del Kazakistan

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ricordate le oltre 200mila antilopi saiga morte misteriosamente nel giro di tre settimane in Kazakistan nel 2015? Un caso che aveva fatto il giro del mondo, ma oggi finalmente, grazie ad una nuova ricerca, si sa esattamente cosa fu a scatenare questa moria.

All’epoca, i ricercatori avevano attribuito la morte delle antilopi saiga che sono in via d’estinzione, a un batterio noto come Pasteurella multocida di tipo B che aveva causato una setticemia emorragica.

Adesso, secondo un nuovo studio pubblicato su Science Advances, il team scopre che quel tipo di batterio è sì presente nel corpo di alcuni animali come le antilopi, ma è innocuo. Tuttavia la sua crescita smodata a causa dei cambiamenti climatici è stata letale.

Come si legge nella ricerca, l’umidità elevata e le temperature calde hanno contribuito al proliferare di questi batteri, senza questo sbalzo, dunque, probabilmente non ci sarebbe stata nessuna strage.

“Questa scoperta ci mette in allarme per il futuro di tanti altri animali”, scrivono i ricercatori.

Durante lo studio, sono stati messi a confronto i decessi del 2015 con altri due eventi simili, uno avvenuto nel 1981, l’altro nel 1988, in cui gli animali erano morti per setticemia emorragica.
Anche in quelle occasioni, prima della moria, si erano verificati cambiamenti climatici sospetti. Non dimentichiamo poi che le antilopi sono morte tutte nello stesso giorno nell’arco di tre ore.

Essendo animali in via d’estinzione, la zona era monitorata, per cui gli esperti possono affermare che nei giorni precedenti non c’era stato nessun segno che potesse far presagire un evento tanto drammatico.

Solo 30mila delle antilopi saiga sono sopravvissute, ma solo perché non si trovavano in quella zona, ma in aree più anord con bassa umidità.

Le antilopi sono sempre più in pericolo:

Secondo Richard Kock del Royal Veterinary College di Londra, a capo del team, non c’è da stare sereni perché c’è un’alta probabilità che possa succedere ancora, ma questa volta purtroppo c’è la possibilità che si vada incontro all’estinzione totale della specie.

Dominella Trunfio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook