Incendi in Amazzonia: in Bolivia sono morti oltre due milioni di animali selvatici

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Dopo i devastanti incendi che hanno colpito la foresta amazzonica durante l’estate, arrivano le prime stime sulle perdite causate dalle fiamme. Secondo i biologi, solo in Bolivia sarebbero morti 2,3 milioni di animali selvatici tra cui formichieri, tapiri, tassi ma anche animali più veloci come puma e giaguari.

“Abbiamo consultato i biologi della Chiquitania e abbiamo superato la stima di 2,3 milioni di animali dispersi in molte aree protette” ha  dichiarato Sandra Quiroga, Professoressa dell’Università di Santa Cruz.

La stima è stata fatta in base al numero di carcasse carbonizzate ritrovate nelle zone colpite dagli incendi che da agosto hanno distrutto oltre quattro milioni di ettari di foresta boliviana che includono i cento ettari della riserva di Tucavaca, a est di Santa Cruz.

Animali morti negli incendi in Bolivia

Nel frattempo i centri di recupero della fauna selvatica sono al lavoro per cercare animali sopravvissuti e prestare loro soccorso, ma ritrovare gli esemplari dispersi è difficile e riuscire a garantire loro cure adeguate richiede risorse economiche e attrezzature carenti nelle strutture adibite al ricovero degli animali feriti.

La perdita di così tanti esemplari in un tempo così limitato è preoccupante perché riduce sensibilmente la biodiversità e questo avrà conseguenze importanti e disastrose sull’ecosistema della foresta.

“La foresta è completamente carbonizzata e il danno è irreversibile. Non si tornerà mai più alla normalità” ha aggiunto la Professoressa Quiroga.

Quest’estate sono stati registrati 34.000 incendi in Bolivia, il 75% rispetto allo scorso anno.
La zona orientale di Santa Cruz è stata quella più colpita e a partire dal mese di agosto 5000 tra vigili del fuoco e militari sono in azione a terra e su elicotteri e aerei antincendio per spegnere le fiamme, ma ad oggi i roghi non risultano ancora completamente estinti.

Il governo boliviano ricalca la posizione di quello brasiliano e attribuisce la diffusione delle fiamme al clima secco e ai venti.
Gli ambientalisti attribuiscono invece la colpa degli incedi alla politica del presidente Evo Morales che, come quella di Bolsonaro, sta incoraggiando la distruzione della foresta per consentire ad agricoltori e allevatori di estendere le proprie attività produttive.

Leggi anche:

Tatiana Maselli

Photo credit: Alerta Geo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Speciale Fukushima 10 anni

11 marzo 2011. 10 anni fa il terribile disastro di Fukushima, una lezione che non deve essere dimenticata

Foodspring

Colazione proteica vegan per chi la mattina ha il tempo contato

eBay

Pulizie di primavera: fai ordine in casa e nell’armadio vendendo online quello che non usi

NaturaleBio

ebay

Seguici su Instagram
seguici su Facebook