I veterinari eroi che stanno salvando gli animali selvatici, vittime degli incendi in Thailandia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Così com’era stato in Australia per Koala, vombati e canguri, anche l’incendio che sta devastando la Thailandia miete tante vittime tra gli animali che vivono in una delle zone più verdi della regione.  Centinaia tra scimmie, gatti selvatici, volpi e altri animali che vivono nel Parco Nazionale Doi Suthep-Pui o nelle province settentrionali di Chiang Mai, Chiang Rai e Mae Hong Son sono morti sotto le fiamme. Impossibile stabilire il numero esatto, ma sono centinaia visto che gli incendi sono iniziati alla fine di marzo e continuano a devastare la biodiversità.

Il fumo ha già causato un grave inquinamento atmosferico, la morte di sei persone e il ferimento di altri. Come dicevamo, a soccombere sono anche gli animali selvatici, per molti non c’è stato nulla da fare, ma per tanti altri si è attivata una task force nelle cliniche di fauna selvatica nelle province di Lampang, Phrae e Chiang Mai.

Secondo Somchai Borisuth, capo del Dipartimento salute degli animali di Chiang Mai, sia volontari che cittadini si sono attivati per portare gli animali selvatici feriti o quelli rimasti orfani nelle cliniche per essere salvati. Molti senza la madre, essendo molto piccoli, non sarebbero stati in grado di sopravvivere da soli. Anche nella clinica specializzata in specie selvatiche di Mae Hia, nel distretto di Mueang, due veterinari e altro personale zootecnico lavorano sodo per garantire un futuro a questi sfortunati animali.

Tra i tanti c’è questa scimmietta ribattezzata ‘Whitey’ che è stata salvata da un abitante del distretto di Feng. Non era ferita, ma l’incendio aveva ucciso la sua mamma e lei non era ancora svezzata. Il cucciolo sarà sfamato fino a quando non sarà autosufficiente e verrà rimesso in libertà con il dovuto reinserimento.

In questa carrellata di foto ci sono alcuni degli animali in cura, il loro percorso sarà lungo e in salita, ma i veterinari sono ottimisti sulla loro ripresa e lanciano un appello ai residenti delle zone colpite: solitamente gli animali selvatici non vanno disturbati, ma questa è una situazione di straordinaria emergenza e invitano a contattare la clinica Office of Conservation Area Management 16, al numero 098 794 2022.

Fonte: BBC

Leggi anche:

 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook