Animali al freddo e in gabbie strettissime. Ispezione della Asl al circo Orfei di Torino

Ancora animali sfruttati fino allo stremo per il “divertimento” delle persone che si recano al circo. Questa volta a Torino sono stati trovati una zebra, una tigre e persino un dromedario al gelo e chiusi in gabbie strettissime.

A denunciare quanto accadeva fuori dal circo Orfei alla Pellerina di Torino sono stati ieri i volontari locali di Meta, Movimento etico per la tutela di animali e ambiente che giunti sul posto hanno visto come vengono trattati gli animali prima e dopo gli spettacoli.

Al freddo di questi giorni e in gabbie troppo strette per le loro necessità si trovavano una zebra, alcune tigri e un dromedario che, dopo essere stati sfruttati nello show, rimangono lì in attesa di esibirsi nuovamente.

La zebra, come hanno dichiarato e documentato i volontari, riusciva a malapena a girarsi nella sua stretta gabbia. Nonostante le proteste degli animalisti e la segnalazione alle forze dell’ordine, queste non si sono presentate.

 

Sono arrivati però i veterinari dell’ASL che hanno fatto un blitz all’interno del circo per verificare le condizioni degli animali. Non sono state rese note eventuali irregolarità registrate. Fatto sta che è la quinta volta dal 26 novembre che i cittadini chiamano per denunciare come vengono trattati gli animali in quel circo.

Purtroppo, finché ci saranno persone che continuano a comprare i biglietti per vedere questi tristissimi spettacoli non finirà lo sfruttamento degli animali.

Boicottiamo e invitiamo a farlo, non c’è altra soluzione!

Leggi anche:

Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Cosmoprof 2020

Scarica la guida sulla clean beauty, il futuro della cosmesi è green

Roma Moto Days

Al Motodays 2020 va in scena la mobilità elettrica

Roma Motodays
Seguici su Instagram
seguici su Facebook