La sofferenza passata in secondo piano degli animali innocenti bruciati dalle fiamme in Sardegna

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sono stati uccisi dalle fiamme, arsi vivi, hanno respirato fumo e in molti casi sono rimasti soffocati. Se ne sono andati nel silenzio, in preda a terribili sofferenze. Stiamo parlando degli animali che in queste ore hanno dovuto fare i conti, loro malgrado, con gli incendi che hanno colpito la Sardegna.

Quasi 1.500 persone sfollate, oltre 20mila ettari di territorio, di boschi, oliveti e campi coltivati ridotti in cenere. Ma anche gli animali stanno pagando un prezzo altissimo a causa degli incendi che stanno devastando la Sardegna e in particolare la zona di Oristano. Sono immagini dure quelle che arrivano dall’isola dove cavalli, ma anche pecore, cani, gatti e uccelli sono stati arsi vivi. 

Questi ultimi in molti casi non  sono riusciti a fuggire, a mettersi in salvo. Le fiamme sono state troppo veloci, il fumo li ha avvelenati. Non c’era alcuna via di fuga ed è così che molti animali hanno perso la vita. Le immagini che oggi circolano sui social fanno venire la pelle d’oca e dovrebbero invitarci a riflettere, ancora una volta.

È un bilancio pesantissimo quello del rogo scoppiato nel Montiferru. Non è ancora possibile fare una stima precisa visto che il fuoco, dopo aver percorso circa 50 chilometri dall’Oristanese all’Ogliastra, non è stato ancora domato e continua a minacciare case, campi, animali. Ma di questi ultimi si parla solo come di perdite economiche per il settore dell’allevamento. Eppure, la loro vita va ben oltre il loro valore economico.

Sono stati uccisi, nella loro casa, invasa dalle fiamme in preda a terribili sofferenze. I loro corpi carbonizzati oggi costellano campi e boschi, come un monito per il futuro. Non si sa ancora se gli incendi siano stati di natura dolosa, ma se così fosse sarebbe l’ennesimo atto crudele dell’uomo a danno della Natura e dei suoi innocenti abitanti.

 

Siamo vicini al popolo sardo, che in queste ore sta soffrendo per tutte queste perdite.

Fonti di riferimento: WWF Sardegna, Regione Sardegna

Sugli incendi in Sardegna leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Ènostra

“Libertà è autoproduzione”: con ènostra l’energia è rinnovabile, etica e sostenibile

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook