Allevamenti intensivi: 74 pulcini salvati dal trtitacarne

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

È uno dei primi sequestri in Italia per maltrattamento di pulcini destinati all’allevamento di polli. L’ipotesi di reato che ha portato al salvataggio di 74 pulcini di un allevamento intensivo è quella di maltrattamento: rischiavano di finire in un tritacarne perché “imperfetti”.

Una fine terribile che documenta la drammatica realtà del sistema produttivo e alimentare basato sull’allevamento. Qui quasi totalità dei pulcini maschi, non potendo deporre le uova, quindi essendo inutile, viene soppressa alla nascita. Stessa drammatica sorte per tutti i pulcini che presentano dei “difetti”, allevati negli allevamenti di polli da carne.

Tra i metodi più spietati c’è quello di infilarli ancora vivi in una sorta di tritacarne a lame. Si tratta di un metodo pensato nel nome del profitto, perché le aziende trovano antieconomico dar da mangiare a dei pulcini che diventeranno dei polli, ma con una crescita troppo lenta e quindi antieconomica secondo i criteri di questa assurda zootecnica intensiva. È uno dei motivi che spinge sempre più persone a scegliere uno stile di vita vegan e cruelty free, privo di derivati animali, uova comprese.

Ma questi piccoli sono stati fortunati, almeno loro. Sono stati salvati e curati, iniziando il cammino per una vita serena. “Il nostro intervento ha salvato decine di animali – afferma Roberto Bennati, vicepresidente della LAV – È inaccettabile che i pulcini inidonei vengano considerati merce da scartare: colpevoli di essere nati maschi o per altre motivazioni, il loro destino in un allevamento di polli è spesso segnato. Si tratta di una prassi, nel mondo zootecnico, e di una pratica indegna, da impedire senza se e senza ma!”

Roberta Ragni

Leggi anche:

Allevamento di galline sotto accusa a Varese. Il video choc di Nemesi animale

10 galline in fuga: il video della liberazione di Nemesi Animale

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook