I segreti degli allevamenti intensivi svelati da un drone (VIDEO)

drone allevamento

Avete mai visto un allevamento intensivo? Non c’è da meravigliarsi se il mondo dell’industria della carne sia in gran parte nascosto agli occhi dei consumatori. Il regista Mark Devries spera di cambiare le cose mostrandoli. Come? Semplice: utilizzando un drone.

Il piccolo velivolo, dotato di telecamera, ha sorvolato una fattoria di proprietà della Smithfield Foods , il più grande produttore di carne di maiale degli Usa. Cosa ha scoperto lo raccontano le immagini registrate. Il messaggio è forte e chiaro: non è ciò che un azienda agricola dovrebbe essere simile.

I rifiuti, infatti, vengono raccolti in una laguna e l’unico modo per svuotarla è spargerli sul terreno circostante. L’odore di questo posto da incubo è così incredibilmente forte che i residenti vicini lamentano continui mal di testa e pressione alta a causa del mix di sostanze chimiche nocive che si volatilizzano nell’aria. I bambini che vivono nella zona hanno alti tassi di asma e gravi problemi respiratori.

L’allevamento intensivo inquina i terreni e le acque, facendo ammalare le persone e inquinando l’ambiente. Altro che animali liberi nei campi. Non c’è più possibilità di nasconderlo.

Roberta Ragni

Leggi anche:

Maiali: nuovo video shock denuncia l’orrore dell’allevamento

Batteri resistenti agli antibiotici? Nascono negli allevamenti

Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Florena Fermented Skincare

Cosmetici naturali fermentati: cosa sono e perché sono così efficaci per la cura del viso

Caffè Vergnano

Regali di Natale: un’idea personalizzata e green per la persona che ami

Coop

Le bottigliette d’acqua riciclate del Jova Beach Party diventano t-shirt sportive

Salugea

Come fare incetta di vitamina D in inverno per evitare una carenza

Seguici su Instagram
seguici su Facebook