Aisha, morto investito l’ippopotamo del circo Miranda Orfei

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

È morta Aisha, l’ippopotamo detenuto dal circo Miranda Orfei accampato a Villa Potenza, in provincia di Macerata. Uscita dal suo recinto, l’esemplare femmina di otto anni è stata travolta da un’auto sulla strada provinciale 361, mentre è rimasto ferito il venticinquenne alla guida dell’auto, che non è riuscito a evitare l’animale.

Le indagini sono ancora in corso e non si hanno notizie precise e ufficiali su quanto sia realmente accaduto. Ma secondo quanto riportato dai circensi si sarebbe trattato del risultato di un bliz animalista: qualcuno avrebbe manomesso alcune recinzioni. E il proprietario del circo ha sporto denuncia.

In attesa di scoprire chi sia il vero colpevole, resta il fatto che non si tratti in ogni caso del primo caso di fuga di un animale da un circo. Solo negli ultimi sei anni sono fuggiti dal circo almeno 12 animali in Italia. Elefanti, in molti casi, ma anche camelidi, ippopotami e in almeno due occasioni. Persino tigri.

ipp2

Questo è il sesto episodio del genere che si verifica nell’arco di un paio d’anni. Il primo esemplare prigioniero a scappare era stata una giraffa ad Imola, Alexandre, poi deceduta dopo essere stata anestetizzata, seguita da due elefanti che a Roma sono riusciti – l’uno a distanza di un mese dall’altro – a varcare la recinzione della struttura circense. Infine, a metà aprile, era stata la volta di due zebre, recuperate in un vigneto del Reggiano. E per finire lo scorso Maggio una giovane tigre del Bengala di 3 anni è scappata dal Circo Lidia Togni a San Giuseppe Vesuviano, dove molti cittadini l’hanno avvistata, tra paura, stupore e ammirazione.

Per le associazioni animaliste, che da tempo ormai denunciano la precarietà delle condizioni di vita degli animali presso queste strutture, non idonee a garantire il soddisfacimento dei loro bisogni etologici, sono numeri così elevati da far risaltare in modo evidente quanto siano potenzialmente carenti le misure di sicurezza adottate dai circhi.

“Siamo certi che le indagini delle autorità faranno luce su quanto sia veramente successo – dichiarano le associazioni – fino ad allora questa tragedia deve farci riflettere su quanto siano precarie le condizioni, sia di detenzione che di sicurezza, in cui vengono detenuti moltissimi degli animali nei circhi, animali che – lo sottolineiamo – in larga parte appartengono all’elenco delle specie definite pericolose per la salute e l’incolumità pubblica.”

Roberta Ragni

Leggi anche:

Willy: il cane della prateria fuggito 100 volte dallo zoo (FOTO)

Tigre fugge dal circo Togni a San Giuseppe Vesuviano (VIDEO)

Elefante sul GRA di Roma, tragedia sfiorata: era scappato dal circo Orfei

Circhi: elefante in fuga a Roma, salvo per miracolo

Le lacrime della giraffa: Alexandre e la sua fuga dal circo (video)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook