©Lav

Trovati 200 agnelli ammassati in un camion senza acqua né spazio… fermiamo la sofferenza della “carne” di Pasqua

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Si avvicinano le festività pasquali e inizia l’incubo per migliaia di agnelli in Italia, uccisi in nome di una tradizione. Proprio in questi giorni si sono intensificati i controlli delle forze dell’ordine al trasporto degli animali e già non mancano le sorprese amare.

La scorsa settimana la Polizia Stradale ha fermato un tir sull’autostrada A13 Bologna-Padova in cui erano stipati circa 200 agnelli destinati al macello in Puglia, senza acqua né spazio per muoversi. Per i due autisti del mezzo è scattata una multa di 15.000 euro.

I poveri animali erano, infatti, ammassati e visibilmente disidratati. Alle richieste di chiarimenti da parte dei poliziotti, i due trasportatori hanno mostrato segnali di nervosismo tanto da insospettire gli agenti che hanno richiesto degli accertamenti da parte degli veterinari dell’Azienda sanitaria USL di Bologna.

A seguito di un’accurata ispezione, si è scoperto che gli agnelli erano rimasti senza acqua poiché l’impianto di abbeveraggio non era stato rifornito prima della partenza. Inoltre, gli animali erano talmente ammassati da non riuscire a muoversi quasi per niente, anche a causa del tetto troppo basso fra un piano di carico e l’altro del semirimorchio.

I poliziotti sono quindi subito intervenuti per fornire l’acqua agli agnelli collegando l’impianto idrico della caserma della Sottosezione di Altedo a quello del veicolo. Per i due autisti, invece, sono scattate delle pesanti sanzioni amministrative per un totale di 15.000 euro. 

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Per la rivista Sicilia e Donna si è occupata principalmente di cultura e interviste. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook