@Parco Natura Viva

Addio a nonno Toby, il più anziano rinoceronte del mondo a vivere in cattività (in un parco italiano)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Si è addormentato per sempre nonno Toby. Così veniva chiamato affettuosamente il rinoceronte più anziano del mondo che viveva cattività, in Italia. Toby ha vissuto per 54 lunghi anni, ma qualche giorno fa il suo cuore non ha più retto. A dare il triste annuncio i gestori del Parco Natura Viva di Bussolengo (in provincia di Verona), che ospita varie specie minacciate d’estinzione per reintrodurle in natura. 

Oggi dobbiamo darvi una triste notizia: “nonno” Toby, l’anziano rinoceronte bianco ospitato al Parco, si è addormentato per sempre. – scrive su Facebook lo staff del parco – Un vero gigante buono e paziente, “nonno” acquisito di nyala e ben 14 ippopotami nati al Parco, Toby aveva raggiunto i 54 anni di età ed era l’esemplare più anziano al Mondo. Sicuramente sentiremo tutti la sua mancanza e quindi vogliamo ricordarlo con un video che abbiamo realizzato lo scorso anno durante la sua passeggiata mattutina verso il reparto in cui viveva insieme a ippopotami e nyala.
 
Toby è stato accompagnato nel suo ultimo viaggio dai veterinari e dagli etologi del parco zoologico e dall’amministratore delegato della struttura Avesani Zaborra, che spiega:  “Sapevamo che sarebbe accaduto prima o poi ma salutare l’ultima ora del “gigante buono” che ha costruito con noi la storia dell’ultimo mezzo secolo, resta profondamente triste”.

La sopravvivenza dei rinoceronti è sempre più a rischio

Nonno Toby apparteneva alla sottospecie dei rinoceronti bianchi meridionali, l’unica a sopravvivere ancora in natura. Nel 2012 Toby aveva dovuto affrontare un evento particolarmente doloroso: la morte di Sugar, sua fedele compagna di vita. Da allora il rinoceronte si era legato molto ai piccoli ippopotami che vivono nella struttura, ai quali ha sempre concesso di giocare con la sua coda e con il suo corno.
 
Dopo l’autopsia, Toby vivrà la sua seconda vita al Museo delle Scienze di Trento (MUSE) perché possa continuare a dare un volto e una forma alle migliaia di rinoceronti che ogni anno vengono sterminati. Soltanto nell’ultimo decennio 10 anni, infatti, sono stati 9.885 gli esemplari uccisi per prelevarne i corni e a rivenderlo a caro prezzo sul mercato nero internazionale.
 
A rattristarci non è soltanto la morte di Toby in sé, ma il fatto che il rinoceronte non abbia potuto vivere a pieno la sua esistenza libera e felice con i suoi simili. Nel suo habitat naturale.
 
 
Seguici su Telegram | Instagram Facebook | TikTok | Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Per la rivista Sicilia e Donna si è occupata principalmente di cultura e interviste. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook