Acquario di Genova: inaugurato nuovo padiglione per la prigionia dei cetacei

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Quattro vasche per 10 esemplari, in una struttura realizzata da Renzo Piano. È qui che vivranno d’ora in poi la loro prigionia i delfini dell’acquario di Genova, in un nuovo padiglione costato circa 30 milioni di euro, lungo 94 metri e largo 30, per una superficie di circa 7.000 metri quadrati, che è stato inaugurato lo scorso venerdì, 26 Luglio, alla presenza delle massime autorità regionali e cittadine.

Secondo i promotori dell’ampliamento, la nuova ala sarebbe realizzata con tutte le attenzioni per rispettare gli animali, a partire dal colore blu scuro per proteggere la retina. E per Marco Doria, sindaco di Genova, si tratta di “un tassello della strategia sulla nuova città da costruire, un’idea nata negli anni ’90 che punta su più vocazioni tra cui quella turistico-culturale“.

In realtà, però, negli acquari, nei parchi acquatici e nei delfinari, per quanta attenzione l’uomo possa impiegare nella tutela degli animali, questi ultimi saranno sempre e comunque costretti a vivere una vita dentro una vasca che li imprigiona. La scusa, solitamente, è quella dell’educazione. Ma cosa mai si può imparare visitando uno di questi luoghi? Davvero possiamo raccontare ai bambini che gli animali reclusi stiano bene e vivano felici, pur sapendo che in realtà sono creature private della loro libertà e ridotte a strumenti per il nostro divertimento? Avete mai guardato uno di questi luoghi con gli occhi di un delfino?

È quello che si chiede l’associazione italiana protezione animali Dog Angels, invitando tutti a ricordare che i delfini sono esseri estremamente intelligenti, che secondo recenti studi sanno persino riconoscere il proprio nome. E non di rado si sono lasciati morire piuttosto che continuare a vivere così, senza dignità e libertà.

“I bambini sono il nostro futuro, la risorsa più preziosa di cui disponiamo. Dal vissuto della loro infanzia, dalle gioie e dai dolori, dalle persone che li circondano e dagli insegnamenti che vengono loro dati, dipende che adulti diventeranno e di conseguenza come sarà il mondo di domani”, spiega l’associazione. L’appello, quindi, è quello di non comprare mai un biglietto per uno spettacolo che implichi l’uso di animali.

Roberta Ragni

LEGGI anche:

I delfini sanno riconoscere il proprio nome

Delfini: ecco perché l’Europa si mobilita per far chiudere i delfinari

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Repubblica di San Marino

Repubblica di San Marino: il turismo slow e green che non ti aspetti

Deceuninck

Come scegliere gli infissi giusti per una casa ecosostenibile

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook