La stagione dell’amore dei ricci non fa dormire i tedeschi.Boom di segnalazioni per gemiti e urla

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La stagione dell’amore dei ricci sta rendendo difficili le nottate dei tedeschi, svegliati nel cuore della notte da gemiti e urla.

Giardini, parchi e campi sportivi in questo periodo sono infatti luogo ideale per la giostra del riccio, il rituale di accoppiamento di questi simpatici animali, che a quanto pare si divertono parecchio, tanto da spaventare i cittadini che arrivano addirittura a chiamare la polizia.

I ricci sanno essere particolarmente rumorosi durante i loro accoppiamenti notturni: questi animali sono in grado di emettere una vasta gamma di suoni che includono fischi e urla molto forti e durante i rituali di accoppiamento ringhiano rumorosamente anche per ore.

Tantissime dunque le segnalazioni notturne alle autorità da parte dei cittadini che scambiano le urla dei ricci per gemiti umani o per versi di animali selvatici in difficoltà.

Eppure tutti sanno che il periodo che va da aprile a settembre coincide con la stagione dell’amore dei ricci, tanto che esiste addirittura un hashtag che non lascia dubbi: #igelsex.

Sebbene il fenomeno dell’accoppiamento dei ricci sia noto e si ripeta tutte le estati i tedeschi sembrano essere convinti di avere a che fare con concittadini poco educati e molto appassionati o con animali gravemente feriti e agonizzanti e intasano preoccupati i centralini della polizia.

Le autorità,  costrette a fare rapporto, stilano verbali decisamente spiritosi: la polizia di Düsseldorf del 2003, in seguito alla chiamata per “rumori fragorosi in un giardino” ha riportato che si trattava di “due ricci che si stavano divertendo e che tra qualche settimana avranno prole”.

Non è il caso di allarmarsi quindi e un po’ di conoscenza in più del regno animale risparmierebbe un lavoro inutile ai poliziotti.

Gli esperti esortano la cittadinanza a non disturbare l’attività dei ricci poiché la popolazione di questi piccoli animali è in costante diminuzione.

La luce delle torce o dei fari delle auto e il rumore spaventano i ricci, che spesso interrompono l’accoppiamento per scappare.

Sui ricci anche:

Tatiana Maselli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Ènostra

“Libertà è autoproduzione”: con ènostra l’energia è rinnovabile, etica e sostenibile

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook