Specie invasive: al via a Madrid la strage di procioni e pappagalli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Se in Italia gli sfortunati malcapitati sono nutrie, caprioli e volpi, a Madrid a cadere vittima della guerra agli invasori, colpevoli di minacciare la pace degli abitanti umani della capitale e la sopravvivenza delle specie autoctone, sono pappagalli argentini e procioni americani. La città spagnola sta per dare il via a un abbattimento massiccio, scegliendo la via più cruenta per preservare il proprio ecosistema.

Entrambe le creature sono state introdotte in Europa come animali domestici, ma gli individui fuggiti e quelli abbondanti hanno proliferato rapidamente in natura. I procioni sono stati visti per la prima volta nella zona nei primi anni 1970, mentre i pappagalli a metà degli anni 1980. Questi ultimi vivono in media per circa 10 anni e ogni coppia di riproduttori è in grado di generare fino a 50 pulcini nel loro corso della vita.

Costruiscono nidi sugli alberi e vivono in grandi colonie. Si nutrono dei semi dei prati e cacciano specie di uccelli locali. Ma la principale obiezione è il loro rumore: lo starnazzare di centinaia di pappagalli mina la quiete dei parchi madrileni, dove gli abitanti vorrebbero riposare. I procioni, invece, sono anche un pericolo per la salute: trasportano la rabbia e un parassita (Baylisascaris procyonis), che attacca il sistema nervoso umano. Non hanno predatori, ma cacciano una vasta gamma di creature, così come le uova degli uccelli.

Per tutti questi presunti validi motivi, la città ha deciso di iniziare il loro sterminio, dopo aver a sua volta causato il danno. L’abbattimento non sarebbe una chiamata alle armi, assicurano le autorità: non ci saranno squadroni anti-procione, né si userà il veleno. Verranno sviluppati piani di cattura. Ma, indovinate un po’, la fine per gli animali sarà sempre la stessa: la morte.

Roberta Ragni

Fonte e foto

LEGGI anche:

Abbattimento nutrie a Cesenatico: il Wwf dice sì allo sterminio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook