zoo di napoli

Lo zoo di Napoli è un fallimento. Sotto ogni punto di vista: economico, etico, scientifico. Basta visitare questo insieme di tristezza e degrado, tali da rappresentare un'onta per l'Italia intera, per rendersene conto. Come se tutto questo non bastasse, ora rispunta il presunto spettro degli animali senza cibo: le derrate alimentari starebbero per finire. E i 300 animali detenuti? Sarebbero di nuovo a rischio fame.

È questo uno degli effetti del secondo fallimento economico della struttura. Almeno secondo l'allarme lanciato dai dipendenti, a rischio licenziamento a causa della cura fallimentare decisa dal Tribunale, la seconda in pochi anni, che non sta risolvendo alcun problema. A rassicurarli, durante un'assemblea, l'assessore al Lavoro, Enrico Panini, che, come riporta Il Mattino, ha parlato di rilancio della struttura e di "determinata volontà del Comune di evitare il fallimento e di sostenere con il proprio consenso tutto ciò che consentirà di fare uscire dalla crisi l'intero impianto, dare certezze occupazionali e garantire lo sviluppo dell'area, ricercando tutte le mediazioni necessarie".

zoo di napoli2

zoo di napoli3

Per Lav ed Enpa, tuttavia, si tratta del "solito teatrino del cibo che mancherà agli animali quando i responsabili legali ci sono e fanno finta di non esserlo". Per questo dicono basta, invitando il Sindaco De Magistris a esprimersi sulla vicenda dopo un anno e mezzo di silenzio: "dica se è favorevole a mantenere ancora a spese dei cittadini la prigione per animali chiamata zoo", chiedono le associazioni animaliste, auspicando che disponga "un immediato e chiaro vincolo nell'acquisizione del complesso di Edenlandia che permetta agli animali di andare in Centri di recupero e in strutture autorizzate".

zoo di napoli4

Le due associazioni ricordano, infine, che è stato aperto da tempo, dalla Procura della Repubblica, un fascicolo sul maltrattamento degli animali nello zoo e che il Sindaco è doppiamente responsabile sull'argomento, poiché "il Comune è uno dei soci della Mostra d'Oltremare proprietaria dell'area e il Sindaco è per legge il responsabile delle condizioni degli animali sul proprio territorio". Cosa deciderà di fare ora il Sindaco in merito a uno zoo mantenuto a spese dei cittadini, oltre che degli animali, che non ha ottenuto nemmeno la licenza prevista dalla legge da parte del Ministero dell'Ambiente?

Roberta Ragni

Foto: Lav

LEGGI anche:

Lo zoo di Napoli è un fallimento totale. Scriviamo a De Magistris

I 6 zoo più tristi del mondo

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram