cacca cani

A due anni dall’ordinanza del sindaco di Roma, Alemanno, che aveva innalzato la multa da 100 a 250 euro, per quei padroni che letteralmente non si “abbassavano” a raccogliere le deiezioni del loro fedele amico a quattro zampe sul marciapiede, e che non era riuscita assolutamente a spaventare quei possessori maleducati di cani, finalmente è arrivata nella capitale una Task Force di vigili in borghese per multare e contrastare con forza questa incivile abitudine.

La squadra, affiancata dagli agenti accertatori dell’Ama, che su indicazioni dell’assessore capitolino all’Ambiente, Marco Visconti, ha stilato una mappa dettagliata municipio per municipio delle strade più colpite, ha fatto più multe in dieci giorni che in tutto il 2007: ben 45 sanzioni per lo più concentrate nel II Municipio e nel centro storico.

Inoltre non solo controlli più mirati e severi, ma anche strade più pulire grazie all’operato delle squadre speciali dell’Ama, che sono intervenute tempestivamente con gli idranti.

E visti gli ottimi risultati ottenuti perché non applicare allora controlli più incisivi anche a microchip e randagismo? Proprio secondo quanto chiede il presidente di Earth Valentina Coppola, la quale ha affermato “preghiamo i vigili di prendere qualche minuto in più per la lettura del microchip e verificare la regolare iscrizione degli animali all’anagrafe canina. Si unirà così la pulizia delle strade al controllo del randagismo senza ulteriori spese per il comune”.

Gloria Mastrantonio

Leggi anche Come smaltire correttamente la pupu dei nostri cani

Leggi anche Park Spark Project: come trasformare la pupù dei cani in oro. O meglio in metano

 

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
festival scirarindi
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram