catalogna-tori

Il 2012 non sarà forse la fine del mondo, ma per i catalani è l’anno che mette fine alle corride a Barcellona e in tutta la Catalogna. È, infatti, scattato da ieri, 1 gennaio, il divieto approvato dal Parlamento catalano a luglio del 2010 su proposta dell’iniziativa legislativa popolare nata dalla piattaforma Prou! (Basta!) che aveva raccolto ben 127.500 firme.

La Catalogna sarà la seconda regione, dopo le Canarie, a proibire questa tradizione così amata e odiata allo stesso tempo, ma soprattutto così radicata in tutta la Spagna.

Nel 2011 si sono svolti una quindicina di combattimenti di tori nella regione catalana, soprattutto a Barcellona, nella Plaza de La Monumental, la storica “plaza del toro” dove lo scorso settembre si era svolta l’ultima corrida sotto gli occhi malinconici e assetati di “spettacolo” di ben 20mila “aficionados”, facendo registrare il tutto esaurito con biglietti arrivati a costare ben 1500 euro.

Sul divieto è ancora pendente un ricorso presentato alla Corte Costituzionale dal Partito Popolare. E la cosa non stupisce visto anche il giro d’affari che genera da oltre sette secoli questa triste tradizione.

E proprio per ammortizzare le ripercussioni economiche la legge ha fissato fino a giugno 2012 sei mesi di indennizzi economici per la cessazione agli operatori economici danneggiati dalla cessazione delle corride e ai gestori delle arene.

I CORSI CHE TI FANNO STARE BENE!

Più di 100 corsi online su Alimentazione, Benessere, Psicologia, Rimedi naturali e Animali a partire da 5€. Test, attestati e la possibilità di vederli e rivederli quante volte vuoi!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su instagram
seguici su facebook
fai la cosa giusta

Dai blog