vivisezione

La Spezia sarà la prima città antivivisezione d'Italia. Il Comune, infatti ha approvato ieri all’unanimità una mozione proposta dal consigliere Roberto Masia. I consiglieri hanno infatti impegnato il sindaco e la giunta a "promuovere tutte le iniziative necessarie presso lo Stato italiano e presso la Comunità europea affinché venga salvaguardato il benessere degli animali vertebrati tutt'ora utilizzati a fini sperimentali o ad altri fini scientifici".

Ma non è tutto, perché l’impegno del consiglio comunale è di spingere il Comune ad attivarsi energicamente "affinché lo Stato recepisca nel modo più restrittivo possibile la direttiva 86/609 Cee e a farsi parte attiva, per quanto di sua competenza, e con gli strumenti a sua disposizione, ad impedire nel territorio comunale della Spezia, l'insediamento dei laboratori e delle aziende pubbliche o private che prevedano l'istallazione di laboratori di vivisezione come stabilito dalla Legge Regionale recentemente approvata".

Nel documento infine, il consiglio impegna il sindaco e la sua giunta ad “intervenire sul territorio affinché vi sia una sempre maggiore ospitalità per il randagismo e predisporre un programma di formazione nelle scuole cittadine finalizzato ad informare sul significato della lotta per l’abolizione della vivisezione".

Questo è il decimo anno di vita dell’Ufficio Diritti Animali, quale miglior modo per festeggiare questa data! - Maria Antonietta Zarrelli, responsabile dell’Ufficio Diritti Animali della Provincia di La Spezia - Il lavoro di questi anni nel fare rispettare le norme a tutela e per un’educazione al rispetto di tutti gli animali, non solo quelli d’affezione, sta portando i suoi frutti, visto il gran numero di cittadini che ha appoggiato con noi questo pronunciamento. A La Spezia non ci sono centri di ricerca che svolgono sperimentazione sugli animali, grazie a questa mozione siamo più tranquilli anche per il futuro.

Naturalmente soddisfatta la LAV: “Ci auguriamo che il Comune di La Spezia possa costituire un esempio per gli altri Comuni italiani, e farsi portatore di un forte e chiaro messaggio per il nostro Paese, dove sempre più cittadini si dichiarano contrari alla sperimentazione animale – ha detto la biologa Michela Kuan, responsabile LAV Settore Vivisezione - Si tratta di un metodo fallace sul piano scientifico, perché nessun animale può essere modello sperimentale di altre specie, e detestabile sul piano etico. La via da percorrere è lo sviluppo e l’incentivazione dei metodi sperimentali alternativi, efficaci e non cruenti”.

Leggi per intero la mozione approvata

Leggi tutti i nostri articoli sulla vivisezione

>

maschera lavera 320

Salugea

Colesterolo alto: ridurlo in soli 3 mesi naturalmente

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
banner colloqui dobbiaco
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram