Fenicotteri rosa con le ali pinzate: ad Aruba orrore in nome dei selfie

selfie fenicotteri

Un selfie col fenicottero rosa. Una moda che spopola sui social, soprattutto tra gli utenti che negli ultimi anni hanno ammirato dal vivo le splendide creature che popolano l'Isola del Rinascimento. Ma perché questi uccelli non volano mai? La spiegazione non vi farà di piacere.

Quest'isola privata, situata nel cuore dei Caraibi, appartiene al Renaissance Resort And Casino, un hotel a cinque stelle nelle vicinanze. La struttura offre ai propri ospiti la possibilità di nuotare e fotografarsi insieme ai fenicotteri rosa. Bello? Non per gli animali.

Oltre alle conseguenze legate alla presenza dell'uomo nel loro habitat, i fenicotteri non volano, stanno sempre lì. Dapprima si pensava che essi avessero le ali tagliate, in modo da non poter spiccare in volo.

I frequentatori della spiaggia sostengono che gli uccelli siano effettivamente tenuti sull'isola dall'hotel. Altri credono che i fenicotteri abbiano le ali tagliate, il che spiegherebbe perché gli uccelli non migrano come fa solitamente l'animale. Ma in realtà, a limitare la loro esistenza sarebbero delle clip, con le quali le ali vengono bloccate impedendo agli animali di librarsi verso il cielo.

Dal canto suo il resort dei Caraibi si difende dicendo che la popolazione di fenicotteri non è in alcun modo legata all'attività. Eppure l'hotel vende ad altre strutture dei pacchetti dedicati ai turisti, che sborsando circa 100 dollari possono fare un giro in barca per l'isola, compreso di pranzo e drink. Immancabili i selfie coi fenicotteri, postati soprattutto su Instagram.

Animali selvatici che dovrebbero essere liberi di spostarsi ma che invece sono costretti all'immobilità in nome di un turismo malsano che non è degno di portare questo nome.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

Foto: Instagram

germinal bio

Germinal Bio

Germinal Bio contribuisce a rigenerare i boschi veneti colpiti dalla tromba d'aria

hcs320

Eivavie

Come depurare l'acqua del rubinetto con i filtri in ceramica

corsi pagamento
seguici su facebook