microplastiche tartarughe

Le tartarughe marine di tutto il mondo sono minacciate dalle microplastiche. Un nuovo studio ha rivelato che oltre 100 animali provenienti dai 2 oceani e dal Mediterraneo avevano microplastiche all'interno del loro intestino.

Una scoperta inquietante che non fa che confermare quanto grave sia il problema. Ormai presenti ovunque, anche nell'acqua che beviamo, le microplastiche sono frammenti la cui lunghezza non supera i 5 mm. Una volta disperse in mare è praticamente impossibile eliminarle.

I ricercatori dell'Università di Exeter e del laboratorio marino di Plymouth, che collaborano con Greenpeace, hanno trovato le microplastiche in 102 tartarughe marine nell'Atlantico, nel Pacifico e nel Mediterraneo, appartenenti a tutte e 7 le specie esistenti.

Le particelle più comuni erano fibre potenzialmente provenienti da abbigliamento, pneumatici, filtri per sigarette e attrezzature marittime come corde e reti da pesca.

In totale, sono state trovate oltre 800 particelle sintetiche nelle 102 tartarughe coinvolte. Ma i ricercatori hanno esaminato solo una parte dell'intestino di ciascun animale quindi il numero totale potrebbe essere circa 20 volte più alto.

mappa tartarughe micro

Le necropsie sono state effettuate sulle tartarughe dopo la morte o dopo arenamento e cattura accidentale. I siti di studio erano North Carolina, USA (Atlantico), Cipro (Mediterraneo) e Queensland, Australia (Pacifico). Le tartarughe con più particelle  si trovavano nel Mediterraneo - si ritiene che presentassero tassi di contaminazione più elevati rispetto all'Atlantico o al Pacifico - ma le dimensioni e la metodologia del campione di questo studio non hanno consentito confronti geografici dettagliati.

"L'effetto di queste particelle sulle tartarughe è sconosciuto", ha detto l'autrice principale Emily Duncan, del Center for Ecology and Conservation dell'Università di Exeter. "Date le loro piccole dimensioni, possono passare attraverso l'intestino senza causare un blocco, come spesso accade con frammenti di plastica più grandi. Tuttavia, i lavori futuri dovrebbero concentrarsi sul modo in cui le microplastiche possano danneggiare gli organismi acquatici. Ad esempio, possono portare contaminanti, batteri o virus, oppure possono interessare la tartaruga a livello cellulare o subcellulare. Ciò richiede ulteriori indagini".

Non solo tartarughe

Un altro recente studio ha rilevato la presenza di microplastiche anche nelle capesante. Inoltre, gli scienziati dell'Università di Exter hanno confermato che nel corso degli anni hanno trovato microplastiche in quasi tutte le specie di animali marini, dal minuscolo zooplancton, alla base della catena alimentare marina, ai pesci.

"Questo studio fornisce ulteriori prove del fatto che tutti noi abbiamo bisogno di contribuire a ridurre la quantità di rifiuti di plastica rilasciati nei nostri mari e mantenere oceani puliti, sani e produttivi per le generazioni future" dicono i ricercatori.

Lo studio è stato pubblicato su Global Change Biology.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

kipli materassi

KIPLI

Il materasso KIPLI fatto al 100% di lattice naturale. Provalo per 100 giorni!

tuvali 320 a

TuVali

+ di 100 corsi su Salute e Benessere, a partire da 5€ su TuVali.it

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
oli essenziali
ricette
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
banner calendario
corsi pagamento
whatsapp gratis
seguici su instagram