tigri e rinoceronti

Usare parti di tigri e corni di rinoceronte nella medicina tradizionale, ma solo se allevati in cattività. Dalla Cina arriva una norma shock

La Cina apre all'utilizzo di corni di rinoceronte e di ossa di tigre. La decisione, che riguarda 'animali allevati', arriva nonostante non ci sia alcun valore terapeutico provato per la salute umana. 

I corni di rinoceronte e alcune parti della tigre sono molto apprezzate dalla medicina tradizionale cinese. Sono prescritti per il trattamento di una grande varietà di disturbi tra cui febbre, gotta, insonnia e meningite, anche se non è stato dimostrato alcun beneficio.

Adesso la Cina ha autorizzato l'uso di parti di animali in cattività per uso scientifico, medico e culturale. Quindi non solo è stato legalizzato l'uso a scopo medico di parti di tigre e corno di rinoceronte ma anche il commercio interno di oggetti antichi ricavati da questi animali.

Entrambe le specie sono in via di estinzione e la Cina ne ha vietato il commercio nel 1993. Ma 25 anni dopo fa un passo indietro clamoroso autorizzando l'uso di queste parti prelevate da animali in cattività.

Gli esperti temono che ciò aumenterà la domanda di animali e comprometterà gli sforzi per proteggerli.

In una dichiarazione che annuncia la modifica del divieto, il Consiglio di Stato ha affermato che le forme in polvere di corno di rinoceronte e ossa di tigri morte potrebbero essere utilizzate in "ospedali qualificati da medici qualificati".

Al momento sono solo 3.900 tigri e 30.000 rinoceronti rimasti in libertà e il bracconaggio è la più grande minaccia per le specie in via di estinzione.

La Cina ha detto che le parti controverse ora potrebbero essere utilizzate per la medicina e la ricerca presso ospedali certificati. Il governo ha inoltre affermato che le parti provengono solo da animali d'allevamento, ma gli ambientalisti dicono che è difficile dire se le parti provengano da coltivazioni legali o bracconaggio illegale.

"Con questo annuncio, il governo cinese ha firmato una condanna a morte per rinoceronti e tigri in pericolo che hanno già affrontato una miriade di minacce alla loro sopravvivenza", ha detto Iris Ho, del programma per la fauna selvatica della Humane Society International. "Stabilisce quello che è essenzialmente uno schema di riciclaggio per fare in modo che le ossa di tigre e il corno di rinoceronte illegali possano entrare nel mercato e perpetuare ulteriormente la domanda di queste parti animali. È un duro colpo per il nostro lavoro, che ha lo scopo di salvare le specie dallo sfruttamento crudele e dall'estinzione. Iimploriamo il governo cinese di ripensarci"

Le ossa di tigre e le corna di rinoceronte sono entrambe valutate per il loro uso nella medicina tradizionale cinese, ma nessun dato ha confermato i loro benefici per la salute.

Anche il WWF è preoccupato e invita con urgenza la Cina a mantenere il divieto del commercio di ossa di tigre e corno di rinoceronte ribadendo che dovrebbe essere esteso e riguardare anche la vendita di qualunque prodotto a base di tigre e non solo a base di ossa.

“È profondamente preoccupante il fatto che la Cina abbia annullato un divieto, durato 25 anni, sulla commercializzazione di ossa di tigre e corno di rinoceronte. La legalizzazione di questo commercio avrà conseguenze devastanti a livello globale”, ha detto Margaret Kinnaird, a capo del WWF Wildlife Practice. “Il commercio di ossa di tigre e corno di rinoceronte è stato vietato nel 1993. La ripresa di un mercato legale per questi prodotti è un’enorme battuta d'arresto agli sforzi per proteggere le tigri ei rinoceronti in natura”.

Anche se limitato all'antiquariato e all'uso negli ospedali, questo commercio probabilmente aumenterà la confusione dei consumatori e delle forze dell'ordine su quali prodotti sono e non sono legali, e probabilmente favorirà il commercio di altri prodotti di tigre e rinoceronte.

"Con popolazioni selvagge di tigri e rinoceronti a livelli così bassi e di fronte alle numerose minacce che mettono a rischio il futuro di queste specie, legalizzare la commercializzazione di ‘parti’ di questi animali in Cina è semplicemente un errore dalle dimensioni drammatiche. Questa decisione sembra essere in netta contraddizione con la leadership che la Cina ha dimostrato di recente nell'affrontare il commercio illegale di specie selvatiche, compresa la chiusura del mercato nazionale di avorio, un punto di svolta per gli elefanti calorosamente accolto dalla comunità globale”, ha aggiunto Kinnaird.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

monge

Monge

20 cose che il tuo cane e gatto non dovrebbero mai mangiare

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram