Goat yoga

Goat Yoga è la tendenza a fare determinati esercizi di meditazione in compagnia delle capre. Può sembrare rilassante e tenero, ma cosa nasconde realmente? 

Goat Yoga, ovvero l’arte di rilassarsi in compagnia delle caprette. Un autentico intrattenimento con animali che ha preso piede negli States. Ma una domanda sorge spontanea: non si tratta di sfruttamento? Lo yoga con le capre e con le bestiole in generale non nasconde una forma di violenza?

Insomma, se uno dei principi fondamentali dello yoga è lo “ahimsa”, ossia “non fare danni”, il ricorso alle capre potrebbe considerarsi un vero tipo di abuso se solo si considera, per esempio, che i cuccioli – quelli utilizzati per lo yoga – diventano rapidamente adulti e che quindi i centri, i cosiddetti “Petting zoos” (gli "zoo delle coccole") devono sostituirli spesso.

Si paventa, dunque, l’ombra degli allevamenti intensivi e un ciclo crudele di riproduzione, abbandono e uccisione sfrenato. Non male per una sessione di yoga...

Da dove vengono le caprette? Vengono sfruttate? Cosa succede dopo, quando non sono carine e abbastanza piccole da salire sulle spalle della gente? Vengono mandate al macello?

Una rapida ricerca su Google sullo “Goat Yoga” vi farà venir fuori una serie di fattorie, soprattutto a stelle e strisce, nelle quali sono pronti a invitarvi a venir mordicchiati dalle caprette, comodamente appollaiate sulla vostra schiena mentre vi date al karma, e una lista lunga così di benefici terapeutici e rilassanti.

In pochi, pochissimi, sono coloro che piuttosto fanno vedere l’altra faccia della medaglia. È dei mesi scorsi la notizia di un “Petting zoo” del Nuovo Galles del Sud, in Australia, sul quale attualmente penderebbero 10 copi di accusa per crudeltà e maltrattamenti dopo che alcuni dei suoi animali sono stati trovati disidratati e malnutriti e hanno sviluppato diarrea e infezioni.

Oltre a consentire l’abbandono e l’abuso che si verificano spesso nei petting zoo, l’utilizzo delle capre per lo yoga contribuisce anche a un ciclo di riproduzione e uccisione infinito e crudele. I cuccioli diventano rapidamente capre adulte, quindi per lo yoga vanno sostituite e, dato che in Australia esiste un piccolo mercato per la carne di capra, i maschi vengono spesso uccisi non appena diventano troppo grandi per essere utilizzati nei petting zoo mentre, se di razza utilizzata per il latte, le femmine finiscono nel settore lattiero-caseario dove saranno forzatamente impregnate più e più volte e i loro piccoli traumaticamente strappati dalle madri.

La tendenza della Goat Yoga può sembrare carina, ma le capre sono animali intelligenti e curiosi, noti per essere pazienti, non sono oggetti per selfie. E come la mettiamo con le loro feci? Alcuni esperti hanno indicato anche che a mettersi supini su un prato con caprette tutt’attorno vuol dire mettersi in mezzo a un focolaio di agenti patogeni, tra cui E-coli e salmonella, dal momento che l’area che circonda la recinzione di un animale può essere piena di batteri.

Una sessione di yoga con caprette, insomma, non è poi così divertente e non è nemmeno etico, per cui se cercate qualcosa di appagante per corpo e mente che vi consenta di interagire con gli animali ma di non danneggiarli direttamente o indirettamente, avete mai pensato di fare volontariato per loro?

Leggi anche

Germana Carillo

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram