tartaruga-cilento

Era uscita dall’acqua per nidificare al sicuro tra la sabbia, ma quella della tartaruga è stata una vera e propria impresa tra ombrelloni, sdraio e turisti curiosi. Per fortuna nonostante tutto, la storia ha un lieto fine.

Tenace come non mai perché sebbene disturbata dai bagnanti che tra cellulari e confusione l’hanno fatta scappare per ben tre volte, alla fine la Caretta Caretta è riuscita a nidificare sulla spiaggia di Ogliastro nel Cilento.

Un’impresa durata diverse ore, la tartaruga è risalita tre volte per deporre le uova, ma nel suo percorso ha incontrato ombrelloni, sdraio e lettini, senza considerare curiosi che l’hanno immortalata con i cellulari. Senza contare che addirittura qualcuno l’ha ributtata in mare.

tartaruga cilento1

Guarda il percorso ad ostacoli che ha dovuto affrontare:

 

Per fortuna però il tempestivo intervento del Centro Ricerche Tartarughe Marine della Stazione Zoologica Anton Dohrn ha riportato la situazione alla normalità e proprio dalla lo pagina Facebook arrivano chiarimenti e raccomandazioni:

“Un po' di chiarimenti sulla tartaruga che sta tentando di nidificare sulla spiaggia tra Ogliastro e Montecorice: Trattasi della stessa tartaruga che è risalita 3 volte su tre punti diversi della spiaggia questo pomeriggio, la prima volta si è scontrata contro lettini e materassini ed è tornata in mare. La seconda ha scavato ma è stata avvicinata ed accarezzata x cui è andata via di nuovo. La terza volta era risalita ed è stata ributtata in mare. In caso qualcuno la vedesse: osservate lo spettacolo della natura da lontano, vi preghiamo di non avvicinarvi, chiamateci e verremo subito, siamo già in zona".

Alla fine la tartaruga è tornata a notte fonda quando finalmente la spiaggia era deserta. Il nido è sulla spiaggia di Montecorice e le uova sono monitorate dal team del centro Dohrn e dai volontari Enpa e Legambiente di Salerno.
La Caretta caretta è stata ribattezzata Acqua marina, mentre l’area messa in sicurezza per la schiusa delle uova che dovrebbe avvenire a fine settembre.

Solo pochi giorni fa, una tartaruga è stata schiacciata da un trattore. Episodi accidentali ma sempre orribili nei confronti dei nostri amici animali. Quello che raccomandiamo ormai da anni è di non disturbare le tartarughe, ma di osservare da lontano il meraviglioso spettacolo della vita.

Leggi anche:

Dominella Trunfio

Foto

monge

Monge

20 cose che il tuo cane e gatto non dovrebbero mai mangiare

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram