api

Le api usano schemi di calore invisibili per scegliere i fiori. Un nuovo studio, condotto dagli scienziati dell'Università di Bristol, ha scoperto che una vasta gamma di fiori produce non solo segnali visibili e odori, ma anche richiami invisibili come il calore.

Nel mondo nascosto delle interazioni fiore-impollinatore, il calore agisce anche sotto forma di segnale sensoriale usato dai fiori in un certo senso per farsi notare, per segnalare la propria presenza e altre informazioni agli insetti impollinatori.

Per lo studio, gli scienziati dell'Università di Bristol hanno esaminato diversi fiori, alcuni dei quali molti comuni nei giardini, come papaveri e margherite, scoprendo che ognuno di essi aveva complessi modelli di calore trasmessi attraverso i petali, che ricalcavano le differenze di colore percepite dai nostri occhi.

In media questi schemi erano 4-5° C più caldi del resto del fiore, e a volte potevano arrivare anche a più di 11° C.

Per dimostrare in che modo le api siano attratte dai fiori, gli scienziati di Bristol hanno realizzato fiori artificiali che copiavano questi schemi di calore, non includendo i corrispondenti modelli di colore.

Anche se i fiori artificiali sembrano identici agli occhi umani al punto da non distinguerli da quelli naturali, i bombi sanno vedere oltre. Questi ultimi visitano una vasta gamma di fiori diversi e sono in grado di utilizzare i modelli per distinguerli e per sapere in anticipo cosa offrono.

api colori fiori

L'autrice principale dello studio, la dottoressa Heather Whitney, della School of Biological Sciences dell'Università di Bristol, ha spiegato:

"La presenza di più segnali sui fiori è nota per migliorare la capacità delle api di impollimare in modo efficiente, massimizzando così la quantità di cibo che possono avere indietro per sostenere il resto della loro colonia. I cambiamenti climatici potrebbero avere impatti inaspettati inaspettati sulle interazioni tra fiori e api, interrompendo questi schemi di calore nascosti".

api colori fiori3

LEGGI anche:

Lo studio è stato pubblicato su eLife.

Francesca Mancuso

monge

Monge

20 cose che il tuo cane e gatto non dovrebbero mai mangiare

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram