criceto

Getta il suo criceto nel WC dell'aeroporto perché la sua presenza non era ammessa a bordo. La storia della giovane Belen e del suo sfortunato amico peloso ha fatto il giro del mondo. La ragazza sarebbe stata costretta a "disfarsi" dell'animale su suggerimento del personale della compagnia aerea. Ed è polemica.

Prima che Belen Aldecosea tornasse a casa a Miami dal college in cui studiava, aveva contattato due volte la Spirit Airlines per assicurarsi di poter portare con sé un ospite speciale: Pebbles, il suo criceto nano. Nessun problema, le aveva assicurato la compagnia. Ma quando Belen si presentò all'imbarco all'aeroporto di Baltimora, la Spirit le negò la possibilità di portare in aereo il criceto.

Secondo quanto riferito dalla giovane studentessa, un rappresentante della compagnia aerea le suggerì di scaricare Pebbles in un bagno dell'aeroporto. In preda al panico e obbligata a tornare a casa al più presto per affrontare un problema medico, Belen tentò inutilmente altre possibilità, tra cui affittare un'auto.

"Pebbles era spaventato. Io ero spaventata. È stato orribile cercare di metterlo nel bagno", ha detto Aldecosea. "Sono rimasta seduta per 10 minuti a piangere".

La ragazza sta ora valutando la possibilità di intentare una causa contro la Spirit Airlines per le istruzioni contrastanti che l'hanno spinta a prendere una decisione angosciosa verso un animale domestico certificato dal suo medico come "di supporto emotivo".

Così ha deciso di raccontarela sua storia al Miami Herald anche alla luce di un caso simile accaduto nelle scorse settimane e riguardante un pavone considerato di supporto emotivo, a cui è stato negato l'ingresso in un volo della United Airlines.

Questo caso è molto diverso, ha detto il suo avvocato Adam Goodman. "Non era un gigantesco pavone che poteva rappresentare un pericolo per gli altri passeggeri. Era un piccolo criceto innocuo che poteva stare nel palmo della sua mano".

Un portavoce di Spirit lo ha riconosciuto: la compagnia aerea le aveva erroneamente detto che Pebbles era ammesso a bordo. Tuttavia, ha negato che un dipendente abbia suggerito di gettarlo via.

Dopo qualche giorno, Aldecosea racconta di aver inviato una e-mail alla compagnia per lamentarsi e come risposta ha ricevuto un buono per un volo gratuito verso alcune città. Buono prontamente rifiutato.

Negli ultimi anni, gli animali sui voli sono diventati un parafulmine per le polemiche negli Stati Uniti. Dal 2016 al 2017, la American Airlines ha registrato un aumento di oltre il 40% di passeggeri che hanno volato con un animale di assistenza o supporto. Nelle ultime settimane, diverse compagnie aeree hanno inasprito le restrizioni sul servizio e sugli animali di supporto emotivo. Eppure la Transportation Safety Administration non ha posto restrizioni per i criceti.

Aldecosea sostiene che Pebbles sia stato un vero animale di conforto e aveva la lettera del suo medico che lo certificava.

"I criceti sono i benvenuti nel nostro checkpoint. Il loro contenitore normalmente passa attraverso i raggi X mentre il proprietario tiene con sé il criceto mentreattraversa il metal detector in modo che la creatura non sia soggetta a radiazioni ", dice un portavoce della Transportation Safety Administration, Sari Koshetz.

LEGGI anche:

Spetta alle compagnie aeree decidere se consentire la presenza di criceti a bordo. Solitamente, gli animali di supporto emotivo sono cani e gatti, ma negli Usa sono stati ammessi anche scoiattoli e pecore.

Il consiglio per chi viaggia è di accertarsi sempre delle condizioni poste dalla compagnia aerea con cui si volta, cosa che anche la ragazza aveva fatto, purtroppo ricevendo informazioni sbagliate.

E magari rinunciare a volare, piuttosto che scaricare il proprio animale nel wc...

Francesca Mancuso

I CORSI CHE TI FANNO STARE BENE!

Più di 100 corsi online su Alimentazione, Benessere, Psicologia, Rimedi naturali e Animali a partire da 5€. Test, attestati e la possibilità di vederli e rivederli quante volte vuoi!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su instagram
seguici su facebook
fai la cosa giusta

Dai blog