immagini/2017/informarsi/animali/dinosauri-nasa.jpg

I dinosauri a passeggio nel quartier generale della Nasa: ritrovata la 'stele di Rosetta' del Cretaceo

Nel cortile della Nasa, trovate tracce di dinosauri risalenti a circa 100 milioni di anni fa. In quello che oggi è il Goddard Space Flight Center, milioni di anni fa passeggiavano dinosauri e mammiferi di vario genere.

Lo rivela la Nasa, che ha pubblicato nei giorni scorso gli esiti di uno studio sulla rivista Scientific Reports. Il ritrovamento offre una rara combinazione: mammiferi e dinosauri che interagiscono tra loro.

Nel 2012, l'esperto di dinosauri Ray Stanford ha scoperto una traccia di nodosauro vissuto nel Cretaceo nell'attuale campus del Goddard Space Flight Center do Greenbelt, nel Maryland. Successivamente, il paleontologo Martin Lockley, dell'Università del Colorado di Denver, e altri scienziati hanno trovato più di 70 tracce di dinosauri e 26 di mammiferi impressi in una grossa lastra di arenaria lunga 2,5 e larga circa un metro.

Le tracce sono state scoperte da Ray Stanford quasi per caso. Dopo aver accompagnato la moglie Sheila che lavora a Goddard, Stanford ha notato uno strano affioramento roccioso dietro l'edificio di Shelia su una collina. Ha parcheggiato l'auto e ha trovato un impronta di dinosauro lunga circa 30 centimetri. Lo scavo ha rivelato che la lastra aveva le dimensioni di un tavolo da pranzo e l'esame negli anni successivi ha rilevato che era ricoperto da numerose tracce ben conservate.

Finora le impronte rilevate appartengono a 8 spece diverse, che vanno da mammiferi di dimensioni pari a quelle di uno scoiattolo a dinosauri grandi quanto un carro armato. L'analisi suggerisce che tutte le tracce sono state probabilmente realizzate in pochi giorni l'una dall'altra in un luogo che potrebbe essere stato il margine di una zona umida.

"La concentrazione di tracce di mammiferi su questo sito è superiore a qualsiasi altro sito nel mondo", ha detto Martin Lockley, paleontologo presso l'Università del Colorado, Denver, coautore del nuovo documento. "Non penso di aver mai visto una lastra di queste dimensioni".

Dopo il ritrovamento iniziale di Stanford, Stephen J. Godfrey, curatore di paleontologia al Calvert Marine Museum, coordinò lo scavo della lastra e produsse lo stampo.

La prima traccia trovata da Stanford era di un nodosauro, "un carro armato a quattro zampe". L'esame successivo ha rivelato un'impronta di un cucciolo di nodosauro accanto mentre le altre appartengono a un sauropode, apiccoli teropodi, dinosauri carnivori strettamente imparentati con il Velociraptor e il Tyrannosaurus rex, e pterosauri, un gruppo di rettili volanti. "È una macchina del tempo" ha aggiunto Stanford.

Le tracce dei dinosauri sono impressionanti, ma è la raccolta di tracce di mammiferi a rendere così speciale la lastra di arenaria. Dalla scoperta del 2012, sono state identificate almeno 26 tracce di mammiferi, rendendola uno dei due siti conosciuti al mondo con una tale concentrazione di impronte. Inoltre, la lastra contiene anche la più grande traccia di mammiferi mai scoperta dal Cretaceo.

dinosauri nasa2

Secondo gli scienziati, l'ampia diversità e il numero di tracce mostrano che molti degli animali si nutrivano nell'area nello stesso periodo. Forse i mammiferi si nutrivano di vermi e larve, i piccoli dinosauri carnivori seguivano i mammiferi e gli pterosauri avrebbero potuto cacciare sia i mammiferi che i piccoli dinosauri.

"Questa potrebbe essere la chiave per comprendere alcuni dei reperti più piccoli della zona", ha detto Lockley. "È l'equivalente cretaceo della Stele di Rosetta."

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

Foto: Nasa

maschera lavera 320

Lavera

Come preparare la pelle del viso all’estate in 5 mosse

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram