pesci cambiamenti climatici

I pesci non sono più quelli di una volta. Colpa dei cambiamenti climatici che stanno riducendo le dimensioni della fauna marina. Non si tratta di una novità ma della conferma del ruolo del riscaldamento globale sugli animali.

Secondo la nuova ricerca condotta dagli scienziati della University of British Columbia, le dimensioni dei pesci si ridurranno del 20-30% se le temperature degli oceani continueranno a salire a questi ritmi a causa del cambiamento climatico.

Lo studio aggiorna le stime precedenti e fornisce una spiegazione più approfondita del motivo per cui i pesci dovrebbero calare in termini di dimensioni.

I pesci non saranno in grado di ottenere l'ossigeno di cui hanno bisogno per crescere. Queste creature, così come gli animali a sangue freddo, non sono in grado di regolare la propria temperatura corporea. Quando le acque oceaniche diventano più calde, il metabolismo dei pesci accelera e richiede più ossigeno per sostenere le sue funzioni corporee. I pesci respirano attraverso le branchie, che prendono l'ossigeno disciolto dall'acqua e eliminano l'anidride carbonica.

Il problema è che la superficie delle branchie non cresce allo stesso ritmo del resto del corpo e l'acqua calda contiene meno ossigeno rispetto a quella più fresca.

Secondo Daniel Pauly, autore principale dello studio, quando i pesci crescono in età adulta la loro domanda di ossigeno aumenta perché la loro massa corporea è maggiore. Tuttavia, la superficie delle lamelle – da cui si ottiene l'ossigeno - non cresce allo stesso ritmo del resto del corpo.

C'è un punto in cui le branchie non possono fornire abbastanza ossigeno per un corpo più grande, per cui il pesce arresta la sua crescita” ha spiegato William Cheung, coautore dello studio e professore associato dell'Ocean and Fisheries, a capo del Nippon Foundation–UBC Nereus Program.

infografica pesci

Foto

Le acque più calde aumentano l'esigenza di ossigeno, ma i cambiamenti climatici lo ridurranno. Alcune specie saranno maggiormente colpite da questa combinazione di fattori. Se un pesce come il merluzzo aumenta il proprio peso del 100%, le sue branchie potrebbero arrivare al massimo all'80%, spiegano gli scienziati.

Va ancora peggio al tonno, che muovendosi rapidamente ha bisogno di più ossigeno. Questo pesce potrebbe veder ridurre le proprie dimensioni fino al 30% per ogni grado in più.

LEGGI anche:

Una profonda alterazione dell'equilibrio naturale, le cui conseguenze non sono del tutto prevedibili.

Francesca Mancuso

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram