influenza aviaria

Il virus dell'influenza aviaria torna a far paura. Si parla infatti di un milione di uccelli abbattuti tra polli, tacchini e oche negli allevamenti di Veneto e Lombardia. Si tratta dell'H5N8. Questo specifico ceppo non costituisce una minaccia per l'uomo visto che non è in grado di passare alla nostra specie, ma l'emergenza rimane visto che la diffusione negli allevamenti intensivi è molto veloce per la loro stessa natura.

Anche se i numeri non sono ancora quelli dell'epidemia a cavallo del 2000, c'è preoccupazione per la diffusione del virus dell'aviaria. Quest'ultimo è stato veicolato, nel nostro paese, dagli uccelli migratori provenienti dalla Siberia e dall'Europa dell'Est.

Galline ovaiole, tacchini e oche da carne hanno trovato la morte, visto che il contagio, negli allevamenti intensivi, avviene molto più facilmente. Anche se si è cercato di correre ai ripari, non è stato comunque possibile salvare gli animali contagiati. Numerosi sono stati gli abbattimenti e ciò dovrebbe far riflettere ancora una volta sull'insostenibilità degli allevamenti intensivi, dove gli animali sono costretti a vivere in spazi ristretti, a volte in pessime condizioni, ma soprattutto dove la diffusione di questo genere di virus è rapida e talvolta pericolosa.

Qui infatti centinaia di migliaia di animali vivono ammassati in capannoni chiusi, in condizioni a volte così dure da indebolire il loro sistema immunitario e favorendo la diffusione di ceppi virali.

Calogero Terregino, responsabile del centro di riferimento nazionale con sede all'istituto zooprofilattico delle Venezie spiega che di solito questa malattia è portata dagli uccelli selvatici e da quelli migratori.

“Normalmente si tratta di un virus non violento, che quindi non fa scoppiare epidemie e comunque non in modo così rapido. L'anno scorso però sono venuti dei migratori contagiati dalla forma ad alta patogenicità del virus. Si tratta di germani, alzavole, fischioni che svernano nelle valli venete e arrivano dall'Est Europa o dalla Siberia. Un gruppo dei virus che hanno portato ha colpito la popolazione stanziale di selvatici in Italia, come anatre e aironi e quando in primavera sono nati i piccoli erano infettati e, in quanto vettori particolarmente efficaci, hanno fatto girare l'H5N8 anche negli allevamenti fino all'ingresso degli allevamenti che si trovano nel Veneto spiega.

Questa malattia solitamente è presente nei mesi invernali ma questa volta si è diffusa anche nei mesi estivi.

“Siamo preoccupati anche perché a novembre-dicembre ritorneranno i migratori e aspettiamo di capire se portano il virus e di che tipo”.

Clicca qui per conoscere in tempo reale la diffusione dell'aviaria in Italia e le province colpite, attraverso i dati dell'Istituto Zooprofilattico.

mappa focolai aviaria

Clicca qui per la mappa ingrandita dei focolai

È la prima volta che dal nord Europa arriva un virus dell'aviaria così potente, che colpisce fuori stagione. In un solo allevamento, ha ucciso il 90% dei volatili in 24 ore, e nell'arco di una sola settimana si è diffuso anche tra centinaia di migliaia di galline, abbattute dai veterinari.

Il problema però non riguarda solo l'Italia. Anche dalle Filippine giunge notizia della diffusione del virus. Nella provincia di Pampagna, sono stati abbattuti centinaia di migliaia di uccelli dopo che il Ministo dell'agricoltura Emmanuel Piñol ha confermato l'epidemia di influenza aviaria l'11 agosto scorso. Tra questi, circa 129.000 polli cullati provengono da cinque allevamenti nei villaggi di San Carlos e Santa Rita.

LEGGI anche:

I sintomi dell'influenza aviaria

Questo specifico ceppo non desta preoccupazione per la salute umana ma in generale, l'influenza aviaria presenta sintomi simili ad altri tipi di influenza tra cui febbre, tosse, dolori muscolari, congiuntivite, In alcuni casi può provocare anche problemi respiratori e polmonite.

Francesca Mancuso

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
festival scirarindi
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram