animali_maltrattati_circo

Una leonessa ferita nascosta dietro sacchi di paglia, elefanti incatenati e continuamente maltrattati. Ecco cosa succede da quindi anni dietro le quinte dei circhi in Gran Bretagna.

Frustate, bastonate, gabbie sporche e minuscole, catene alle zampe, colpi inflitti con l’uncino. Sono immagini drammatiche quelle denunciate dall’ Adi, Animal Defenders International, frutto di indagini sotto copertura fatte in diversi circhi della Gran Bretagna.

Un lungo report presentato al Parlamento europeo a Bruxelles che descrive la vita infernale che gli animali erano costretti a sopportare. Una macchina dell’orrore sapientemente occultata dai circensi durante i sopralluoghi degli ispettori di polizia veterinaria che di conseguenza non rilevavano niente di tutto ciò.

LEGGI anche: 5 BUONI MOTIVI PER NON ANDARE AL CIRCO CON ANIMALI (VIDEO)

Ma il video, proiettato durante il workshop "Uso di animali nei circhi: ora è tempo di cambiare", organizzato da Intergroup on the Welfare & Conservation of Animals (che raggruppa 100 eurodeputati) e Eurogroup for Animals, si commenta da solo.

Elefanti, dromedari, rinoceronti e via dicendo, tutti colpiti con bastoni e mazze utilizzate per lavarli. Si è partiti proprio da queste violenze per discutere in senso più ampio del circo senza animali in Europa, compresa l’attuale proposta legislativa italiana attualmente in discussione al Senato, che prevede proprio la graduale dismissione.

LEGGI anche: MAI PIÙ CIRCO CON ANIMALI A ROMA! LIBERI CON UNA FIRMA, LA DELIBERA DI INIZIATIVA POPOLARE

animali maltrattati circo

Durante il workshop è emerso un dato indicativo, i cittadini si stanno disaffezionando agli spettacoli con animali, è evidente che investigazioni come quelle dell’Adi stanno avendo l’effetto sperato.

Infatti il circo senza animali sta diventato una bella realtà sostenibile, pensiamo ad esempio al Circu du Soleil con straordinari artisti, uno spettacolo in cui non ci sono maltrattamenti, nessuno viene tenuto in catene e lontano dal proprio habitat naturale.

LEGGI anche: CIRCO SENZA ANIMALI: STOP ALLO SFRUTTAMENTO, IL DDL È GIÀ IN SENATO

Nel nostro paese, come si legge nel Rapporto Censis ‘I circhi in Italia’ che descrive l’attività circense con gli animali ci sono circa 88 tendoni, escluse le sotto unità. Ricordiamo che attualmente non ci sono restrizioni nell’utilizzo di specie animali.

L’ultima stima del Report risale al 2010, all’epoca oltre 2mila animali erano detenuti, parliamo di oltre 400 cavalli, pony, asini ma anche di zebre, cammelli, dromedari, lama, giraffe, rinoceronti, ippopotami, struzzi, emù. E ancora pinguini e oltre 400 rettili tra cui serpenti, coccodrilli e alligatori.

Tutti animali che dovrebbero essere molto lontani da un tendone del circo.

Dominella Trunfio

forest bathing sm

Trentino

Forest Bathing e non solo, per guarire con la natura

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
banner orto giardino
whatsapp
seguici su instagram