Pesce scorpione Italia

Pesce scorpione: è allerta in Italia. Dopo il ritrovamento del “lionfish” in Tunisia, l’ISPRA lanciò in ottobre scorso un allarme riguardo al possibile arrivo del pesce scorpione nel nostro paese.

E oggi, grazie a una collaborazione tra ricercatori dell’ISPRA, del CNR e della American University of Beirut, il lionfish viene segnalato per la prima volta in acque italiane.

Si troverebbe precisamente all’interno della “Riserva Naturale Orientata Oasi Faunistica di Vendicari”, in Sicilia, questo pesce ritenuto pericoloso per la salute umana.

Le sue, infatti, sono spine velenose, molto lunghe e sottili, in corrispondenza delle pinne dorsale, anale e pelviche.

Il veleno si mantiene attivo dalle 24 alle 48 ore dopo la morte del pesce, per cui la pericolosità della specie resta elevata anche su esemplari morti da diverse ore, quindi riscontrabili anche sul mercato.

LEGGI ancheALLARME PESCE SCORPIONE NEI NOSTRI MARI: LA SUA PUNTURA È LETALE PER L'UOMO

Il pesce scorpione è uno dei pesci tropicali più noti, ma anche una delle specie marine più invasive al mondo.

Si trova naturalmente in Mar Rosso e nell’Oceano Indiano e Pacifico, ma è stato introdotto in Florida all’inizio degli anni ’90. La specie ha successivamente invaso tutto il Mar dei Caraibi e buona parte delle coste Atlantiche occidentali, con imponenti impatti ecologici.

Cosa provoca la puntura di pesce scorpione

Un’eventuale puntura può provocare un dolore forte e persistente e spesso sintomi come:

  • nausea
  • vomito
  • febbre
  • convulsioni
  • difficoltà respiratoria
  • diarrea

 

Pesce scorpione

 

Nei casi più gravi, la parte colpita può andare incontro a necrosi locale e a una perdita della sensibilità che può durare anche per molti giorni.

Se si è punti da un pesce scorpione, la prima cosa da fare è rimuovere le spine, disinfettare e immergere la parte colpita in acqua molto calda. Il calore, infatti, è in grado di rompere la struttura proteica della tossina riducendo il dolore.

LEGGI anche PESCE PALLA MACULATO CATTURATO NELLE ACQUE DELLA CALABRIA. ATTENZIONE PERCHÉ È ALTAMENTE TOSSICO

Data la pericolosità dell’esemplare, coloro che catturino o avvistino un pesce scorpione devono fotografare l’esemplare e segnalare l’osservazione all’indirizzo: [email protected]. È disponibile anche il gruppo Facebook Oddfish sul quale condividere osservazioni di specie esotiche con utenti del mare e ricercatori.

Germana Carillo

maschera lavera 320

Salugea

Colesterolo alto: ridurlo in soli 3 mesi naturalmente

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
banner colloqui dobbiaco
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram