Scoperto un nuovo nemico delle api, la moria non si ferma

api fungicidi

Non c'è pace per le api. Non solo i pesticidi e gli antibiotici ne minacciano la vita. Una nuova ricerca ha mostrato che anche i fungicidi utilizzati nei mandorleti sono molto pericolosi per questi preziosi insetti.

La nuova minaccia si chiama iprodione. Se usato da solo o in combinazione con altri fungicidi comuni, questa sostanza porta ad una significativa riduzione di 10 giorni del tasso di sopravvivenza di api (Apis mellifera).

Tutto ciò che vediamo in natura dipende, in qualche modo, da esse: sono essenziali per la riproduzione della maggior parte delle specie vegetali e, di conseguenza, per gli animali che ne traggono nutrimento. Il 75% delle colture del mondo dipendono dall'impollinazione. In altre parole: senza api non c'è vita.

Tuttavia, la loro esistenza è gravemente minacciata. Questi piccoli insetti stanno morendo a un ritmo del 30% annuo. Le cause sono svariate, dai cambiamenti climatici ai pesticidi. A queste si aggiunge un nuovo nemico: un fungicida la cui missione era di porre fine ai funghi che attaccano i mandorli ma che ha finito per diventare pericoloso per questo piccolo e prezioso animale.

LEGGI ANCHE: MORIA DELLE API: IN EUROPA API AVVELENATE DA 57 PESTICIDI DIVERSI

Juliana Rangel e i colleghi del Dipartimento di Entomologia della Texas University, hanno testato gli effetti di fungicidi sulle api mellifere monitorando le differenze rispetto alle api non esposte a queste sostanze.

LEGGI anche: L'ABUSO DI ANTIBIOTICI CHE STA UCCIDENDO LE API (E FA MALE ANCHE ALL'UOMO)

I risultati hanno mostrato un aumento significativo del tasso di mortalità tra le api esposte ai fungicidi rispetto alle altre. Gli insetti esposti alla concentrazione consigliata di iprodione morivano infatti a un tasso doppio o triplo entro 10 giorni. L'effetto era ancora più forte quando l'iprodione è stato combinato con altri fungicidi.

LEGGI ANCHE: LE API ORA SONO UFFICIALMENTE A RISCHIO DI ESTINZIONE (VIDEO)

Non si conosce ancora da cosa derivi l'effeto negativo dei fungicidi sulle api.

“I nostri risultati possono contribuire a incoraggiare nuovi dibattiti sui trattamenti e cercare di trovare modi diversi per i trattamenti” ha detto Adrian Fisher II, autore principale dello studio.

Cosa possiamo fare per salvare le api?

Per proteggere questi insetti preziosi, dobbiamo prima di tutto conoscere ciò che può danneggiarle. Ad esempio, si possono evitare pesticidi ed erbicidi. O ancora preferire prodotti biologici e locali, per contribuire a ridurre l'uso di pesticidi. Nel nostro piccolo possiamo anche piantare alcuni fiori, che ne favoriscono la diffusione.

LEGGI ANCHE: API: SALVIAMOLE CON UN FIORE. ECCO QUALI PIANTARE

Francesca Mancuso