rinoceronte parigi

Orrore allo zoo di Parigi, dove dei bracconieri hanno barbaramente ucciso un rinoceronte e hanno rubato il suo corno. È il primo caso di bracconaggio in Europa

Durante la notte tra il 6 e il 7 marzo presso lo zoo di Thoiry alle porte di Parigi i bracconieri sono entrati in azione e dopo aver ucciso il rinoceronte ne hanno prelevato il corno utilizzando una motosega.

Ieri mattina il rinoceronte è stato ritrovato morto al momento della riapertura dello zoo dal personale veterinario. Il rinoceronte dello zoo di Parigi si chiamava Vince. Secondo i veterinari lo hanno ucciso con tre colpi di arma da fuoco alla testa.

La notizia è stata subito riportata dalla stampa locale che ha sottolineato che il rinoceronte Vince è stato ucciso per il suo corno.

Vince era un rinoceronte bianco maschio di 4 anni. Il fatto è accaduto nella zona dello zoo dove fino a questo momento vivevano tre rinoceronti. Per la prima volta in Europa uno zoo è diventato il bersaglio di un simile attacco.

Leggi anche: COLORARE I CORNI DEI RINOCERONTI PER SALVARLI DAL BRACCONAGGIO: BUFALA O REALTÀ?

I bracconieri avrebbero forzato il portone d’entrata dello zoo nella notte tra lunedì e martedì di questa settimana e avrebbero raggiunto l’area dove il rinoceronte viveva, portando con sé una sega elettrica e un’arma da fuoco di grande calibro.

I fondatori dello zoo sono rimasti senza parole perché per la prima volta si sono trovati di fronte a una violazione di questo genere e a un atto così grave nei confronti degli animali.

Leggi anche:  BIODIVERSITÀ: ESTINTO IN VIETNAM IL RINOCERONTE DI GIAVA

rinoceronte vince

Photo Credits

Si crede che il corno di rinoceronte sia molto ambito per le sue proprietà afrodisiache. Esiste una filiera di questo tipo tra la Francia e l’Asia, con particolare riferimento al Vietnam. In realtà secondo gli esperti queste proprietà non esistono perché il corno di rinoceronte è fatto degli stessi materiali che compongono le nostre unghie.

Vince era arrivato allo zoo di Parigi nel 2015 dai Paesi Bassi all’interno di un programma di scambio tra i grandi zoo europei.

Leggi anche:  GUERRA D'AVORIO: ELEFANTI E RINOCERONTI RISCHIANO L'ESTINZIONE. IN CAMPO ANCHE IL PRINCIPE WILLIAM

Martedì sera il ministro dell’Ambiente Ségolène Royal ha dichiarato di aver aperto la procedura della Repubblica di Versailles per reato contro una specie protetta.

La caccia agli elefanti e ai rinoceronti per appropriarsi dei loro corni è da decenni una grave piaga in tutto il mondo ma mai prima d’ora aveva raggiunto uno zoo europeo.

Nessun luogo ormai è più sicuro per i rinoceronti che vengono addirittura uccisi in un’area teoricamente controllata come può essere uno Zoo” – commenta il WWF.

“La guerra contro le specie protette è entrata persino nelle nostre città. Sapevamo che i corni venivano rubati nelle teche dei Musei, motivo per cui all’ Italia è stata inviata dall’organismo CITES una richiesta per sostituire i corni veri con copie di resina o plastica".

In Africa vengono uccisi in media 3 rinoceronti al giorno per rubare il prezioso corno e il traffico alimenta persino i gruppi terroristici. Ora anche negli Zoo c’è il rischio di veder scomparire i pochi esemplari rimasti.

È arrivato il momento di innalzare le misure di sicurezza e di individuare i colpevoli di quanto accaduto a Parigi e che purtroppo può accadere ovunque, anche dove i rinoceronti vivono liberi.

Marta Albè

Photo Credits

I CORSI CHE TI FANNO STARE BENE!

Più di 100 corsi online su Alimentazione, Benessere, Psicologia, Rimedi naturali e Animali a partire da 5€. Test, attestati e la possibilità di vederli e rivederli quante volte vuoi!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su instagram
seguici su facebook
fai la cosa giusta

Dai blog