orso_francesco_letargo

Sentiva troppo caldo e pensando che fosse già arrivata la primavera, si è svegliato ed è uscito dalla tana. Ma il suo letargo è durato solo 48 giorni. La colpa? Il caldo anomalo.

L’orso Francesco vive in Carnia, sulle montagne tra Preone, Socchieve e Verzegnis in Friuli ed è monitorato dal dipartimento di Scienze ambientali e animali dell’Università di Udine. È stato proprio il team di esperti ad accorgersi dell’anomalo risveglio.

Francesco ha dormito soltanto dal 31 dicembre al 17 febbraio, aprendo gli occhi con un mese di anticipo. Il perché è molto semplice: le temperature calda hanno fatto credere all’orso che fosse già arrivata la primavera.

Nei giorni scorsi, infatti, sulla montagna tra Preone, Socchieve e Verzegnis, c'erano 17 gradi e la neve si stava sciogliendo.

Un caldo dovuto ai cambiamenti climatici che hanno creato una sorta di primavera anticipata.

LEGGI anche: L'ORSO CHE ABBRACCIA L'UOMO CHE GLI HA SALVATO LA VITA (VIDEO)

orso francesco letargo1

Così orso Francesco, monitorato da un collare satellitare, è uscito dalla tana con i suoi quasi 190 chili. Il punto rimane adesso capire come reagirà. Uno dei fattori determinanti alla sua sopravvivenza è quanto l’orso ha mangiato prima di addormentarsi, ma vista l’assenza di neve di quest’anno dovrebbe essersi nutrito a sufficienza.

Anche il letargo era iniziato tardi per colpa delle temperature troppo alte, di solito infatti gli orsi delle Alpi si ritirano nella tana già a novembre, ma Francesco è andato a dormire solo tra la notte tra il 31 dicembre al 1 gennaio, quando c’è stata la prima nevicata della stagione.

orso francesco letargo

Una situazione che va adesso studiata, dicono gli esperti, perché le temperature sono già tornate ad essere più basse, bisognerà adesso capire cosa l’istinto animale dirà a orso Francesco: tornerà nella tana o andrà a caccia di cibo?

LEGGI anche: L’INASPETTATA E INSOLITA 'RIUNIONE DI FAMIGLIA' DEGLI ORSI GRIZZLY IN MONTANA (FOTO)

Letargo degli orsi, curiosità

Il letargo degli orsi da sempre affascina il mondo della scienza. Con l’arrivo dell’inverno sono tanti gli animali che dormono per quasi cinque mesi, periodo in cui non mangiano e non svolgono le funzioni corporali primarie.

Nonostante ciò, gli orsi cosi ma anche i ghiri non perdono comunque massa muscolare e si risvegliano esattamente con lo stesso peso corporeo di prima. L’orso per tutti i mesi invernali è in uno stato di ibernazione perché abbassa la sua temperatura corporea di quasi 6-7 gradi ( i piccoli roditori fino a dieci), ma in maniera ciclica.

Una volta scesa troppo, circa a 30 gradi, gli orsi iniziano a tremare e riacquistano la temperatura originaria, prima di iniziare un altro ciclo di raffreddamento.

Un'altra curiosità è il loro battito cardiaco: durante l'ibernazione passa da 55 battiti a 14 al minuto, con pause senza pulsazioni anche di 20 secondi.

Dominella Trunfio

forest bathing sm

Trentino

Forest Bathing e non solo, per guarire con la natura

banner orto native

La guida utile

La guida per fare un orto in piccoli spazi. Chiara, veloce e gratuita!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
banner orto giardino
whatsapp
seguici su instagram