lupi_abbattimento_

Forse domani si potrebbe decidere la sorte dei lupi. Forse, perché non è certo che domani ci sarà il voto finale in Conferenza Stato Regioni sul Piano lupi, già rinviato lo scorso 2 febbraio.

Sul banco degli imputati c’è sempre il famoso punto sull’abbattimento controllato dei lupi fino al 5% degli esemplari presenti sul territorio nazionale.

Delle 22 misure in cui si parla di recinti elettrificati, rimborsi agli allevatori, lotta agli incontri tra cani e lupi, è sicuramente l’abbattimento ad aver causato più scalpore tra chi pensava che la questione lupi fosse chiusa da tempo, grazie alla protezione di cui gode la specie da oltre 46 anni.

LEGGI anche: IL LUPO (NON) È SALVO

Una doccia gelata. Undici Regioni hanno già ribadito il loro no, ma il ministro Galletti ad oggi sembra guardare dritto per la sua strada. Le associazioni animaliste e ambientaliste, ma anche privati cittadini e studenti non ci stanno e continuano a mobilitare l’opinione pubblica con manifestazioni, sit in e petizioni online.

lupi norvegia

Il tutto per scongiurare un passo indietro di oltre quarant’anni e la legalizzazione dell’uccisione del lupo. Una misura che diversi esperti hanno definito palesemente inefficace e dannosa sia per i lupi stessi che per i pastori e gli allevatori.

"Gli abbattimenti non riducono né i danni, né i conflitti", spiegano da Wwf Italia.

Ogni anno, in Italia oltre 300 lupi muoiono per bracconaggio, bocconi avvelenati, lacci e incidenti stradali.

LEGGI anche: L'ITALIA NON È UN PAESE PER LUPI: AL VIA L'ABBATTIMENTO CONTROLLATO (#SOSLUPO)

“Gli studi dimostrano che le tecniche di prevenzione dei danni, come le recinzioni elettrificate e cani da guardia, unite alla corretta attività di informazione, sono la soluzione più efficace per garantire la convivenza del Lupo con la zootecnia”, dice Wwf che si è fatta promotrice della petizione #soslupo a cui hanno aderito oltre 200mila persone.

Non solo, la sede nazionale di Wwf Italia si è trasformata in queste ore nella ‘Fattoria di #SosLupo’, ossia uno spazio dimostrativo nel quale far vedere che non solo lupi e allevatori possono convivere in pace, ma che esistono strumenti di prevenzione assai più efficaci rispetto agli abbattimenti.

Secondo l’Enpa, approvare il Piano sarebbe come aprire una caccia selvaggia.

LEGGI anche: SALVIAMO I LUPI DALL'ABBATTIMENTO, #SOSLUPO (PETIZIONE)

"A tutti gli italiani chiediamo di sollecitare uno stralcio delle norme “incriminate” e di schierarsi ancora una volta dalla parte dei lupi, della natura e dell’ambiente, per il rispetto della legalità e la cultura della vita", dice l’associazione.

In sintesi, continuano gli accorati appelli al ministero dell’Ambiente e alla Conferenza Stato regioni affinché dal Piano Lupo venga stralciato il paragrafo degli abbattimenti.

Nel frattempo per domani è previsto un nuovo twitter storm con hastag #soslupo.

I tweet #soslupo saranno inviati anche ai profili del presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, del ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti e al presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini.

SE NON L'HAI ANCORA FATTO, FIRMA LA PETIZIONE! CLICCA QUI

L richiesta è semplice: stralciare il paragrafo degli abbattimenti selettivi dei lupi.

Dominella Trunfio

forest bathing sm

Trentino

I migliori itinerari da fare a piedi o in bici

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
banner orto giardino
whatsapp
seguici su instagram