animali in città

Ben 8 italiani su 10 sono insoddisfatti dei servizi offerti dalle città per i loro animali d'affezione. In particolare, l’azione di controllo e vigilanza delle Polizia municipale su maltrattamenti animali e sulla mancata raccolta degli escrementi è stata giudicata insufficiente o mediocre dall'80% delle persone.

È quanto emerge dal nuovo rapporto Animali in città e dal sondaggio effettuato per misurare il grado di soddisfazione dei cittadini sui servizi offerti dai comuni e dalle aziende sanitarie. Sono stati 1.021 i questionari completi su cui è stata condotta l’analisi.

Poco più di 1 cittadino su 10 ritiene insufficiente o mediocre il proprio impegno in tema di animali. 5 cittadini su 10 ritengono, però, insufficiente o mediocre l’interesse verso gli animali dei loro concittadini e 6 cittadini su 10 ritengono insufficiente o mediocre l’impegno del proprio sindaco in tema di tutela degli animali.

7 cittadini su 10 hanno una percezione insufficiente o mediocre del numero, della pulizia e della fruibilità delle aree verdi. Inoltre, ben 5 cittadini su 10 hanno una percezione insufficiente o mediocre dell’offerta di locali pubblici in cui è possibile accedere con il proprio cane.

LEGGI anche: ECCO LE CITTÀ PIÙ AMICHE DEGLI ANIMALI DOMESTICI, DA NORD A SUD

La spesa pubblica per gli animali d’affezione e non è pari a 245 milioni, di cui 144 milioni da parte dei comuni e 101 milioni dalle aziende sanitarie locali. Troppo rispetto ai risultati raggiunti.

Teoricamente, più di un terzo dei comuni e la quasi totalità delle ASL dovrebbe essere in grado di fornire risposte adeguate, ma non è così. Solo 3 città (0,3% del campione) - Terni, Peschiera Borromeo (MI) e Formigine (MO) – raggiungono buoni risultati, 22 città (il 2% del campione) ottengono una performance buona, 132 città (l’11,9% del campione) una performance sufficiente.

Controlli e maltrattamenti

Pochi i controlli. E anche se le regole esistono, senza una puntuale vigilanza in pochi le rispettano davvero. Quasi tutte le Aziende sanitarie locali dichiarano di intervenire per il rispetto delle regole e il contrasto del maltrattamento degli animali (86,25% e praticamente quasi tutte dichiarano di aver fornito di lettori microchip il proprio personale.

Tuttavia, i numeri dichiarati relativi alle sanzioni dicono altro: in totale 20.559 i controlli effettuati nel 2015, ossia un controllo/anno ogni 1.589,33 residenti nelle 69 aziende sanitarie che li hanno dichiarati e 294.811,72 euro di sanzioni, di cui ben il 64,26%,elevate in sole 5 ASL: Area Vasta 1, Como, Varese, Bergamo e Bologna.

Cani...

Il randagismo è ancora un grave problema ed in termini economici è anche il più costoso per la collettività.

Secondo le amministrazioni comunali e le Asl, su 4 cani catturati, 3 hanno trovato nel 2015 una casa Ma non è ovunque così: ad esempio la Asl Nuoro dichiara una soluzione positiva ogni 18 cani catturati, mentre la Asl di Foggia riporta di aver trovato soluzione a più di 5 cani a fronte di un cane catturato.

Tra i peggiori nel ricollocamento dei cani vi sono Campania, Sicilia, Calabria, Basilicata e Campania.

LEGGI anche: CANI: LE NUOVE REGOLE DEL MINISTERO DELLA SALUTE, DAL PATENTINO AL GUINZAGLIO

...e gatti

Tutte le città hanno gatti liberi più o meno “autorganizzati” in colonie. Solo il 22,22% dei comuni dichiara di monitorare le colonie feline presenti nel proprio territorio e da questi monitoraggi risulterebbero 14.907 colonie, con oltre 156.217 gatti e 42.810 cittadini impegnati. Rispetto al numero dei cittadini residenti, le amministrazioni comunali più amanti dei gatti (in colonie feline) sono: Aymavilles (AO) con 1 gatto ogni 4 cittadini, Scarlino (GR) con 1 gatto ogni 10 cittadini, Arezzo con 1 gatto ogni 12 cittadini, Montecalvo in Foglia (PU) con 1 gatto ogni 13 cittadini, Sanremo (IM) con 1 gatto ogni 15 cittadini.

immagine

Regole per gli animali in città

Meno della metà dei Comuni, l’48,87%, ha dichiarato di avere un regolamento per la corretta detenzione degli animali in città, mentre l’accesso ai locali pubblici e negli uffici è regolamentato in poco più di un comune su 9 (nell’11,38% dei casi). I comuni costieri che hanno regolamentato l’accesso alle spiagge sono ancora il 6%.

...e spazi aperti dedicati agli animali d’affezione

Le cosiddette “aree per cani” sono troppo poche. Stando ai comuni che hanno risposto positivamente (16,17%) risultano 1.246 aree, in media uno spazio dedicato ogni 8.789 cittadini residenti, distribuito ogni 10,5 chilometri quadrati. Tra le migliori, Segrate (MI) dove risulta un’area per cani ogni 1.335 cittadini e ogni 0,70 kmq. Molto bene anche Milano con un’area dedicata ogni 3.527 cittadini e una distribuzione spaziale ogni 0,52 kmq. In negativo, Napoli dove risulta un’area ogni 246.363 cittadini e una distribuzione spaziale ogni 29,76 kmq e Messina (120.799 cittadini e ogni 106,88 kmq).

immagine

LEGGI anche: 15 COSE CHE I PROPRIETARI NON DOVREBBERO MAI FARE IN UN’AREA CANI

“Urge una strategia pubblica che sappia ridisegnare, nazionalmente, la gestione degli animali in città, per tutelare davvero il loro benessere e ridurre al minimo gli elementi di conflittualità. Occorre fornire al paese gli strumenti per gestire al meglio la convivenza sempre più stretta in ambito urbano tra i nostri animali e noi” è il commento di Antonino Morabito, responsabile Benessere animale di Legambiente.

Per leggere il rapporto, clicca qui

Francesca Mancuso

banner guida pulizie

Scrittori di classe

Come iscrivere la tua scuola a "salvare il Pianeta”, il concorso di Conad e WWF

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
settimana riduzione rifiuti 2018
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram