wwf_furto_natura_3.jpg

Ogni anno, nel nostro Paese si consuma un dramma silenzioso: migliaia di esemplari di animali vengono catturati o uccisi dai bracconieri, andando ad alimentare un mercato tanto fiorente quanto illegale, basato sullo sfruttamento miope e indiscriminato di risorse che dovrebbero essere patrimonio comune di tutti, e producendo un danno ambientale ed economico enorme.

Tra i principali obiettivi dei bracconieri ci sono gli uccelli, molti dei quali vengono colpiti mentre attraversano il territorio italiano seguendo le rotte migratorie tra Europa e Asia: si calcola che, ogni anno, circa otto milioni di esemplari – tra cui aquile, cicogne, falchi, ma anche specie rarissime, come l’ibis eremita – restino vittime di trappole e fucili. Seguono i mammiferi, con lupi, orsi, cervi e persino delfini.

LEGGI anche: Il cast di The Walking Dead si mobilita per fermare il bracconaggio

I numeri del bracconaggio in Italia, con ben 27 aree di illegalità diffuse su tutto il territorio nazionale, da nord a sud, sono contenuti nel report Furto di Natura. Storie di bracconaggio Made in Italy, realizzato dal WWF e presentato oggi, in vista dell'ultima Giornata Oasi del WWF del 2016, che avrà luogo domenica 2 ottobre. Per festeggiare i cinquant’anni della sua presenza nel nostro Paese, infatti, l’organizzazione aprirà gratuitamente alcune delle sue aree protette - luoghi speciali, difesi da speculazione, degrado e, appunto, bracconaggio.

LEGGI anche: Giornata delle Oasi: visite gratis ogni prima domenica del mese

Il report diffuso dal WWF mostra l'urgenza di agire contro la strage di fauna selvatica che ogni anno si consuma nel nostro Paese. I reati di bracconaggio sono molto difficili da quantificare, dato che non esiste una vera e propria ‘banca dati’: tuttavia, dalle cifre fornite da forze di polizia e associazioni, risulta che, tra il 2014 e il 2015, gli episodi di bracconaggio sul territorio italiano siano aumentati del 40,7% (su 706 casi analizzati), con il 67% a danno di uccelli e il 23% di mammiferi. Cresce anche l'utilizzo di trappole e veleni (+ 18%), accanto a fucili, tagliole, reti, archetti e quant'altro.

wwf furto natura 4
 
wwf furto natura 5
 
wwf furto natura 2
 

Sull'incremento delle uccisioni illegali di fauna selvatica pesa la combinazione tra carenza di vigilanza sul territorio e debolezza delle sanzioni comminate ai trasgressori, ancora troppo esigue. Sulla carta, infatti, le multe esistono: secondo la legge sulla caccia (157/1992) - paradossalmente l’unica a tutelare la fauna selvatica in Italia - il caso più grave di bracconaggio (l'uccisione di un esemplare di orso bruno o di stambecco o di camoscio appenninico o di muflone sardo) prevede l’arresto da 3 mesi a 1 anno e un’ammenda da 1.032 a 6.197 euro; per le altre specie, invece, l’arresto va da 2 a 8 mesi e la multa fino a 2.065 euro.

Nonostante questo, però, come rileva il WWF, chi uccide un esemplare di fauna selvatica rischia spesso una semplice contravvenzione e raramente finisce in carcere. Eppure, simili azioni recano un danno gravissimo non solo all’ambiente, ma anche all’economia del Paese. Basti pensare che, nei mercati di Ballarò a Palermo e di Sant’Erasmo a Napoli, il fatturato del commercio illegale di animali si aggira intorno ai 250.000 euro l’anno. I bracconieri, insomma, rapinano e saccheggiano un bene comune, un patrimonio cruciale anche per il nostro benessere: uccelli, istrici, lupi e tassi forniscono servizi preziosi, regolano gli equilibri ecologici, liberano le campagne da insetti e parassiti e alimentano un turismo naturalistico importante per l'economia locale.

A questo proposito, non si deve dimenticare l’indotto generato, in altre realtà geografiche, dalla presenza di animali carismatici: negli Stati Uniti, ad esempio, il giro di affari relativo a viaggi e ad attrezzature per il bird-watching è di 41 miliardi di dollari; in British Columbia (Canada), la spesa pro-capite per osservare gli orsi è di 1.120 dollari. Se si stima che in Italia i soli appassionati di bird-watching sono decine di migliaia, si può dedurre l’enorme danno che può produrre l’abbattimento di animali come cicogne o fenicotteri, o di migliaia di rapaci.

Per questo, dopo la recente riforma del Codice Penale che ha introdotto il Delitto contro l’ambiente, il WWF chiede l’inasprimento delle sanzioni penali a tutela della fauna selvatica: l'organizzazione ha anche elaborato una proposta di legge a riguardo, proponendo il “Delitto di uccisione di specie protetta”, con pene sia detentive che pecuniarie più severe e adeguate alla gravità.

Lisa Vagnozzi

Photo Credits

 

I CORSI CHE TI FANNO STARE BENE!

Più di 100 corsi online su Alimentazione, Benessere, Psicologia, Rimedi naturali e Animali a partire da 5€. Test, attestati e la possibilità di vederli e rivederli quante volte vuoi!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su instagram
seguici su facebook
fai la cosa giusta

Dai blog