strage oasi spinea
Una strage di animali a due passi da Venezia. Galline, conigli nani, porcellini d'India, anatre, uccelli barbaramente uccisi. È accaduto nei giorni scorsi a Spinea, dove i piccoli ospiti dell'oasi Sos Natura curati da Enrico Piva sono stati massacrati brutalmente.

Gli animali che si trovano presso l'oasi sono tutti trovatelli, recuperati e aiutati dai volontari. Dopo essere stati abbandonati, i conigli e i porcellini sono stati portati al sicuro presso Sos Natura, qui sono stati curati fino a quando non si sono rimessi in forze. L'oasi per loro è diventata una seconda casa, dove hannpo trovato accoglienza, cure e riparo. Almeno fino ad ora.

oasi spinea

Foto

Il 22 e il 23 maggio infatti qualcuno si è introdotto nel loro rifugio uccidendoli. Un massacro difficile anche da raccontare. Gli animali sono stati bastonati, schiacciati coi piedi e in alcuni casi decapitati.

“Sono tornati questa notte, neanche 24 ore dopo guardate. Hanno finito il lavoro” lamenta tristemente Enrico Piva, che ha rivolto un appello e una richiesta di aiuto agli utenti di Facebook: “Vi aspetto a Spinea a Venezia, è una cosa deplorevole, è una minaccia vera e propria, questa è mafia. Ragazzi datemi una mano. Ditemi se questa è opera di un animale, ditemi se questi sono umani”.

Sulla vicenda si è espresso anche il il Presidente del Veneto Luca Zaia: “Questi non sono vandali, ma criminali a tutto tondo. Gente priva di ogni rispetto per ogni forma di vita, che mi auguro venga presto individuata e punita con la maggior durezza possibile”.

“Non ci sono parole, se non la condanna senza appello per una barbarie che non può trovare alcuna spiegazione se non nelle menti malate, o tragicamente vuote, dei responsabili. Ogni vita che si trova in natura rappresenta qualcosa di speciale e merita un’attenzione speciale: in questo caso anche una punizione speciale per i responsabili della mattanza,” conclude Zaia.

“Erano la mia famiglia, non mi fermerò mai, continuerò ad aiutare gli animali” dice Enrico Piva.

E il “popolo” dei social, a cui Piva si è rivolto, si è già mobilitato. Ne è nata una petizione, che ha raccolto finora circa 10mila firme:

Chiediamo che i responsabili di un gesto così crudele e vile, vengano assicurati alla giustizia e condannati a pene severissime, riteniamo che queste persone, se così si possono definire, siano un pericolo per l'intera comunità e non debbano avere il diritto di farne più parte".

AGGIORNAMENTO DEL 26 MAGGIO 2016. Riporta Venezia Today che secondo le analisi effettuate dall'Istituto zooprofilattico di Legnaro sarebbero state una o più volpi ad uccidere gli animali dell'oasi di Spinea. Ma non è tutto qui. Sui social sono in molti gli utenti che nelle ultime ore stanno avanzando dei dubbi sulla "mattanza" per mano umana, accusando Enrico Piva e la sua associazione di non aver tutelato le piccole vittime da qualsivoglia pericolo. Tra le accuse mosse, anche quella di allevare gli animali a quella di aver approfittato della situazione per raccogliere fondi. Si tratta comunque di voci non confermate. Da una parte c'è chi di difende l'operato di Piva sottolineando che è mosso da buone intenzioni e dall'amore per gli animali abbandonati. Dall'altra, c'è chi mette in dubbio la sua buona fede.

Anche noi di greenMe.it all'indomani dell'aggressione, avevamo provato a contattare Enrico Piva sia via Facebook che telefonicamente ma senza ottenere alcuna risposta.

Redazione greenMe.it

Foto cover

LEGGI anche:

CACCIA ALLE BALENE: IN ISLANDA RICOMINCIA LA STRAGE (FOTO E VIDEO)

STRAGE DI PINGUINI IN ANTARTIDE A CAUSA DI UN ICEBERG GRANDE QUANTO ROMA

monge

Monge

20 cose che il tuo cane e gatto non dovrebbero mai mangiare

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram