cani da fiuto wwf cover

Cani da fiuto per potenziare la lotta ai bracconieri e ai trafficanti di specie protette. Si chiamano “Sniffer dog” e la loro attività in difesa di altri animali si svolge soprattutto all’interno dei parchi nazionali e negli aeroporti, oltre che nei porti di spedizione e nei centri di trasporto.

Purtroppo il commercio globale di specie selvatiche è una vera e propria industria in rapida crescita con un giro d’affari di almeno 23 miliardi di dollari all’anno. I cani addestrati però riescono rapidamente ad individuare le irregolarità in bagagli, merci, imballaggi e veicoli grazie al loro fiuto portentoso.

Il WWF punta i riflettori sull’utilità dell’attività dei cani da fiuto nella campagna antibracconaggio #diamovoce. I principali ambasciatori dell’iniziativa sono il campione di tennis Andy Murray, Gabriella Pession, Fabrizio Roversi e Riccardo Bocca.

Uno dei migliori cani da fiuto antibracconaggio si chiama proprio Murray e la sua storia merita di essere raccontata. Murray è un pastore belga addestrato fin da cucciolo come cane da fiuto e con il suo lavoro sta contribuendo a fermare i bracconieri di tigre, maestoso animale di cui è diventato un coraggioso protettore. Sa monitorare i bracconieri e riconoscere dall’odore la presenza di fucili e di trappole.

“Anche se abbiamo festeggiato, negli ultimi 4 anni, ben tre anni a bracconaggio Zero in Nepal, la minaccia delle uccisioni illegali è sempre presente e i cani sono uno strumento davvero efficace per catturare i bracconieri”. Con appena 3.200 esemplari rimasti in natura, il futuro di questi grandi felini e di migliaia di altre specie, grandi e piccole, dipende dalla nostra capacità di limitarne il commercio illegale” – ha spiegato a Christy Williams, del Programma WWF Asian Elephant e Rhino.

Il network internazionale TRAFFIC (Ufficio creato dal WWF per monitorare il commercio illegale di specie protette) ha assistito le forze dell'ordine nella formazione dei cani antidroga in tutto il mondo. Tra i Paesi che ospitano la tigre, TRAFFIC e il WWF lavorano con i governi locali in Russia, Cina e India per combattere il traffico della fauna selvatica e in Nepal e India per contrastare il bracconaggio.

I cani sono addestrati per circa 3 mesi per riconoscere gli odori ma anche per distrarre e neutralizzare i bracconieri armati. Il primo Paese a introdurre l’uso dei cani da fiuto per supportare il lavoro di intelligence contro i trafficanti di fauna selvatica è stata la Cina.

cani da fiuto wwf 1

cani da fiuto wwf 2

cani da fiuto wwf

Per Natale il WWF propone l’adozione simbolica di un cucciolo di tigre o di un cane antibracconaggio a supporto della campagna #diamovoce. Chi darà il proprio supporto a un cane antibracconaggio riceverà un certificato di adozione. Qui maggiori informazioni al riguardo.

Marta Albè

Fonte foto: WWF

Leggi anche:

casa verde

Reale Mutua

La casa verde: pannelli solari e pozzi geotermici

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram