Vacche-Sacre-Firmiamo

In provincia di Reggio Calabria la chiamano "vacche sacre". Sono i bovini di affiliati alla 'ndrangheta che vagano liberi in tutta la provincia. Sono intoccabili e tutti li tollerano per timore di ritorsioni. Gli animali, però, rappresenterebbero un pericolo per le colture, dal momento che sono lasciate pascolare senza controlli, e per la circolazione stradale e ferroviaria.

Per questo il prefetto di Reggio Calabria Sammartino, riporta l'Ansa, ha deciso che verranno ammazzate per risolvere il grave problema che da decenni attanaglia la provincia. Ma il crudele sterminio di questi animali è davvero l'unica strada? Che colpa hanno le povere vacche?

Una risposta arriva da Firmiamo.it, dove una raccolta firme si schiera contro la decisione del prefetto e propone una soluzione rispettosa della vita degli animali: si propone il sequestro degli animali e la loro riallocazione in nuove location dove le "Vacche sacre" possano continuare a vivere.

Nel testo della petizione si legge:

"Uccidere è una soluzione facile e veloce di un Paese che non sa governarsi; organizzarsi e preservare la vita di questi animali sarebbe invece la risposta di un Paese intelligente e democratico verso tutti, animali compresi". E ancora: "Se le povere vacche sono lasciate pascolare senza controlli, di chi è la colpa? Dell'uomo o dell'animale? E se la colpa è dell'uomo, perché è l'animale a farne la spese, addirittura con la vita?".

Per aderire alla raccolta firme contro lo sterminio delle "Vacche sacre" clicca qui

Roberta Ragni

Leggi anche:

Strage di mucche libere a Palau. Orrore in Sardegna (VIDEO)

kipli materassi

KIPLI

Il materasso KIPLI fatto al 100% di lattice naturale. Provalo per 100 giorni!

tuvali 320 a

TuVali

+ di 100 corsi su Salute e Benessere, a partire da 5€ su TuVali.it

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
oli essenziali
ricette
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
banner calendario
corsi pagamento
whatsapp gratis
seguici su instagram